Menu Chiudi

Trovati i resti fossili di una foresta pluviale in Antartide

Quando i dinosauri vagavano sulla Terra 90 milioni di anni fa, il pianeta era molto più caldo, compresa l’Antartide al Polo Sud. Ma con un sorprendente colpo di scena, i ricercatori hanno scoperto che, secondo un nuovo studio, l’Antartide all’epoca era anche una foresta pluviale paludosa.

I ricercatori hanno individuato un fondale marino utilizzando una piattaforma di perforazione a bordo di una nave da ricerca polare sul Mare Amundsen dell’Antartide occidentale. Il campione del nucleo di sedimenti è stato prelevato vicino ai ghiacciai di Pine Island e Thwaites.
Le scansioni TAC del nucleo di sedimenti hanno rivelato campioni incontaminati di terreno forestale, polline, spore e persino sistemi di radici così ben conservati da poter identificare le strutture cellulari.

Il suolo comprendeva esempi di polline delle prime piante fiorite trovate vicino al Polo Sud.

campioni foresta pluviale antartide
Tina van de Flierdt e Johann Klages lavorano sul campione di terreno antartico

Hanno datato il terreno, la sua argilla a grana fine e il limo risale a 90 milioni di anni fa. Il loro studio è stato pubblicato mercoledì sulla rivista Nature.
Durante le prime valutazioni, l’insolita colorazione dello strato di sedimenti ha rapidamente attirato la nostra attenzione; si differenziava chiaramente dagli strati sovrastanti“, ha detto Johann Klages, autore dello studio e geologo dell’Alfred Wegener Institute. “Avevamo trovato uno strato originariamente formatosi sulla terraferma, non nell’oceano“.

Gli scienziati sanno che durante l’era dei dinosauri le condizioni erano più calde. L’era della metà del Cretaceo, da 80 milioni a 115 milioni di anni fa, è stato il periodo più caldo per la Terra negli ultimi 140 milioni di anni. La superficie del mare ha probabilmente raggiunto i 95 gradi Fahrenheit nelle aree tropicali. E il livello del mare era più alto di adesso.

Ma finora non c’erano prove di come erano le condizioni al Polo Sud. Questo è il campione più meridionale del periodo cretaceo raccolto finora, che rivela come era l’Antartide tra gli 83 e i 93 milioni di anni fa.
La conservazione di questa foresta di 90 milioni di anni è eccezionale, ma ancora più sorprendente è il mondo che rivela“, ha detto Tina van de Flierdt, coautore di studi e professore presso il Dipartimento di Scienze e Ingegneria della Terra dell’Imperial College di Londra.

Anche durante i mesi di oscurità, le foreste pluviali temperate e paludose sono riuscite a crescere al Polo Sud, rivelando un clima ancora più caldo di quanto ci aspettassimo“.
I nuclei di sedimenti possono registrare molte informazioni sul clima, agendo come una capsula del tempo per la temperatura media, le precipitazioni e la vegetazione.

Per avere un’idea più precisa di come fosse il clima in questa fase più calda del Cretaceo, abbiamo prima valutato le condizioni climatiche in cui vivono i moderni discendenti delle piante“, ha detto Klages.
I ritrovamenti dipingono un ritratto insolito del Polo Sud, dove la costa dell’Antartide occidentale era libera dalle calotte di ghiaccio che la ricoprono ora e le foreste pluviali paludose ricoprivano invece l’area.

La temperatura media diurna era di 53 gradi Fahrenheit. Se da un lato questo ci sembra blando, dall’altro è incredibilmente caldo per una località vicino al Polo Sud, dove le attuali temperature diurne oscillano tra i -76 gradi sotto lo zero e i -14 gradi Fahrenheit.
La calotta glaciale antartica non esisteva all’epoca. Le temperature dei fiumi e delle paludi si aggiravano probabilmente intorno ai 68 gradi Fahrenheit. E la temperatura estiva in Antartide era probabilmente intorno ai 66 gradi Fahrenheit. Si stima che le precipitazioni abbiano raggiunto circa 97 pollici all’anno – più o meno lo stesso del Galles di oggi.

Le foreste erano simili a quelle che si trovano ora in Nuova Zelanda, hanno detto i ricercatori.
Ma come ha fatto l’Antartide a sostenere le foreste pluviali temperate senza la luce del sole per ben sei mesi all’anno?
I ricercatori hanno studiato i livelli di anidride carbonica che all’epoca si trovavano nell’atmosfera.

Hanno scoperto che l’anidride carbonica atmosferica era molto più alta del previsto sulla base dei modelli climatici esistenti. L’anidride carbonica ha un effetto di riscaldamento sull’atmosfera e sul pianeta, creando un effetto serra che intrappola il calore del sole.
L’elevata quantità di anidride carbonica, combinata con un’Antartide senza strato di ghiaccio coperta di vegetazione, ha creato le giuste condizioni per un ambiente di foresta pluviale.

Ora sappiamo che nel Cretaceo ci potrebbero essere facilmente quattro mesi consecutivi senza luce solare. Ma poiché la concentrazione di anidride carbonica era così alta, il clima intorno al Polo Sud era comunque temperato, senza masse di ghiaccio“, ha detto Torsten Bickert, co-autore dello studio e geoscienziato del centro di ricerca MARUM dell’Università di Brema.
(CNN)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *