Menu Chiudi

Sindaco PD di Trapani vieta sbarco immigrati: “bene l’accoglienza ma a tutto c’è un limite”

Il sindaco di Trapani Giacomo Tranchida tramite un’ordinanza ha vietato lo sbarco della nave nave quarantena Aurelia. Così scrive in un suo post facebook:

sindaco Trapani vieta sbarco immigrati

Lascia basiti apprendere la notizia dell’ennesimo arrivo di nave (Aurora) quarantena al porto di Trapani ..mentre non è dato ancora al momento capire, nella fase post quarantena, dove il governo intenda traferire i migranti della nave Azzurra risultati negativi al tampone. Ovvia e conseguente sarà l’ennesima ordinanza sindacale di divieto di sbarco, ma così comunque non può andare“.

Poi accusa il governo, al quale è stato più volte chiesto aiuto, di essere a “corto di idee nella gestione  e redistribuzione dei migranti, e sospetta che l’esecutivo intenda risolvere il problema di lampedusa dirottando i migranti verso Trapani.
Si ha l’impressione che il governo – al quale i sindaci e le parti socio-economiche del trapanese, denunciando ancora una volta la marginalizzazione territoriale per carenza di collegamenti infrastrutturali, hanno da mesi chiesto aiuto, anche valorizzando la destinazione covid free – sia invece proprio a corto d’idee.

Da un lato financo incapace di rimettere i voli della “partecipata” Alitalia a Birgi – migrati a Palermo e Catania – provi a adesso a rimediare per risollevare le sorti della destinazione turistica trapanese con i migranti, magari pensando di “risolvere” il problema di Lampedusa ..ma spostandolo su Trapani, al pari porto turistico“.

Infine lancia un avviso: la nostra pazienza ha un limite.
Non si comprende ancora perché non utilizzare porti con approdi militari?! Non pensi ancora il governo di considerare periferia del paese Trapani ed il territorio trapanese, anche perché la formazione culturale e sociale delle nostre comunità e si accogliente ed aperta, ma a tutto ci sta un limite e temo che la sottovalutazione del governo cominci a superarlo“.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *