Menu Chiudi

Parlare con gli animali domestici non è pazzia, ma sintomo di intelligenza

Parli con il tuo cane, gatto o con altri animali domestici quando torni a casa? Non preoccuparti, non sei pazzo: la scienza ti sostiene.
parlare con gli animali domestici è sintomo di intelligenza

Molte persone parlano con i loro animali domestici come parlerebbero con chiunque vivesse con loro. Si confidano, spiegano, raccontano come se lo stessero facendo con un figlio, con un parente o una persona vicina. Molti credono che questo comportamento sia tipico delle persone che sono sull’orlo della follia.

Un recente studio ha iniziato a indagare su tale comportamento e ha rivelato che, lungi dall’essere sbagliati, coloro che parlano con i loro animali domestici hanno una qualità eccezionale.

L’ antropomorfismo

L’antropomorfismo descrive la tendenza a mettere in relazione il comportamento reale o immaginario degli agenti non umani con caratteristiche, motivazioni, intenzioni o emozioni simili a quelle umane.
Secondo gli esperti, abbiamo solo antropomorfizzato le cose che amiamo, non le cose che non ci piacciono . La psicologia concorda sul fatto che più ci piace qualcuno o più ci avviciniamo a lui, più è probabile che siamo coinvolti nella sua mente . Questa vicinanza si estende anche ai non umani .

Quando i bambini danno un nome ai giocattoli e parlano con oggetti inanimati, gli adulti pensano che ciò sia adorabile e soprattutto normale, perché dimostra il loro desiderio di compagnia e di costruire identità.
Invece gli adulti che parlano con i loro oggetti inanimati vengono percepiti come immaturi, ma non è proprio così.

Parlare con gli animali domestici

Non c’è differenza tra parlare con oggetti inanimati e parlare con i nostri animali domestici.
Nicholas Epley, uno degli scienziati dietro gli studi relativi all’antropomorfismo, ha analizzato un sondaggio condotto dal programma radiofonico “Car Talk”, in cui è stato osservato che un gran numero di persone parlava con le loro auto e ha riferito che questi oggetti sembravano avere una mente, credenze, desideri e persino la propria personalità.

Riconoscere la mente di un altro essere umano implica gli stessi processi psicologici di riconoscere una mente in altri animali, un dio o persino un aggeggio. È il riflesso di una maggiore capacità del nostro cervello piuttosto che un segno della nostra stupidità “, ha spiegato Epley.

Pertanto, l’antropomorfismo è associato a un’intelligenza superiore che, a sua volta, è direttamente correlata all’intelligenza sociale, cioè alla capacità di relazionarsi con gli altri con empatia, onestà e correttezza.

Quindi ora sai, non c’è motivo di preoccuparsi. Se ti piace dire al tuo animale domestico come è stata la tua giornata, significa solo che hai un’intelligenza eccezionale.

Riferimento: Bioguia

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *