Menu Chiudi

Capo della NASA: gli attacchi con asteroidi non sono come i film, le potenze mondiali dovrebbero prepararsi all’impatto

Il capo della NASA ha avvertito che la minaccia di un impatto con un asteroide è fin troppo reale.
impatto con asteroide

Durante una conferenza sulla questione della difesa planetaria, ha chiesto finanziamenti e piani di lavoro per impedire agli asteroidi assassini di colpire gli Stati Uniti e il resto della Terra.

Jim Bridenstine è stato uno degli oratori alla Conferenza sulla difesa planetaria del 2019. Ha sollevato la necessità critica per gli Stati Uniti di sviluppare difese credibili contro gli asteroidi e altri impatti cosmici.

Senza un sistema di difesa planetaria funzionante, l’incidente meteorologico di Chelyabinsk del 2013 potrebbe ripetersi in futuro, potenzialmente sul suolo americano.

Durante l’incontro, la NASA, la Federal Emergency Management Agency (FEMA) e altre organizzazioni hanno concordato di svolgere un esercizio di difesa planetaria. Hanno considerato i potenziali effetti di un asteroide mentre si avvicinava alla Terra.
“Dobbiamo assicurarci che la gente capisca che non si tratta di Hollywood, non dei film”, ha dichiarato Bridenstine. “Si tratta in definitiva di proteggere l’unico pianeta che conosciamo, proprio ora, per ospitare la vita e che è il pianeta Terra.”

Il capo della NASA avverte che un altro evento simile a Chelyabinsk potrebbe accadere

Durante la conferenza, Bridenstine ha riportato lo spettro dell’evento di Chelyabinsk all’attenzione della gente. Ha discusso della gravità di uno sciopero meteorico e della possibilità che ciò avvenga di nuovo.

Nel febbraio 2013, una considerevole meteora si è propagata nei cieli sopra gli Urali meridionali ed è esplosa a 14 miglia sopra Chelyabinsk, in Russia.
Gli esperti hanno calcolato che l’esplosione è stata 20 volte più forte della bomba atomica lanciata su Hiroshima. Solo lo spostamento d’aria risultante ha ferito oltre 1.600 cittadini russi e ha causato danni significativi a Chelyabinsk.

L’evento Tunguska del 1908 rimane il più grande impatto meteorico nella storia dell’ uomo. Ma l’evento di Chelyabinsk è arrivato secondo vicino in termini di potere.
Precedenti studi hanno predetto che eventi meteorologici potenti come Tunguska e Chelyabinsk si sono verificati solo una volta ogni 60 anni. Ma Bridenstine ha sottolineato che tre di questi incidenti sono avvenuti negli ultimi 100 anni.
Secondo le stime di Bridenstine, un altro evento a livello di Chelyabinsk potrebbe aver luogo nel corso della vita dell’attuale generazione di umani. E mentre Chelyabinsk e Tunguska esplodono entrambe prima di colpire il terreno, il prossimo potrebbe raggiungere la superficie, causando ancora più danni.
“Vorrei poterti dire che questi eventi sono eccezionalmente unici”, ha ammesso Bridenstine. “Ma non lo sono.”

Il primo veicolo spaziale al mondo con deflettore di asteroidi è previsto per il lancio nel 2021

Bridenstine ha sottolineato che la difesa planetaria è tanto importante per la NASA quanto tornare sulla luna e andare su Marte . L’agenzia spaziale americana sta sviluppando un metodo per individuare e tenere traccia del 90 percento degli oggetti in orbita vicino alla Terra.
Gli asteroidi e altre rocce spaziali che misurano almeno 140 metri di diametro sono abbastanza grandi da raggiungere la superficie della Terra. La NASA dà la priorità alla ricerca di questi impattatori potenzialmente letali.

loading...

Per impedire una ripetizione di Chelyabinsk o Tunguska, la NASA ha avviato la missione DART (Double Asteroid Redirection Test). Previsto per il lancio dalla base aerea di Vandenberg nel giugno 2021, dimostrerà la capacità di respingere gli asteroidi assassini lontano dalla Terra.
DART è la prima missione spaziale progettata per le funzioni di deflessione degli asteroidi. È un dispositivo di simulazione cinetico che si schianterà contro il bersaglio ad alta velocità.

L’obiettivo previsto della missione DART è Didymos. Orbitando attorno alla Terra a una distanza di 6,8 milioni di miglia (11 milioni di chilometri), l’asteroide si estende per 800 metri attraverso 2.600 piedi (800 metri).
La NASA spera che DART impartisca abbastanza energia cinetica a Didymos per influenzare il suo corso. I dati aiuteranno a sviluppare un migliore veicolo spaziale per la deflessione degli asteroidi.

Riferimenti: DailyMail.co.uk
UniverseGuide.com

Fonte: Natural News

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *