Menu Chiudi

Pensioni aprile 2022: cedolino in arrivo con aumento. Chi ne beneficerà

Tra qualche giorno arriverà il tanto atteso cedolino delle pensioni di aprile 2022 che includerà un ulteriore aumento. Oltre all’aumento dell’1,7% dovuto all’adeguamento INPS, di cui vi ho già parlato in un recente articolo, ce ne sarà un altro del quale beneficeranno molti pensionati italiani. Vediamo di cosa si tratta.

Cedolino pensione aprile 2022
Cedolino pensione aprile 2022 – screenshot YouTube canale Mondo Pensioni

Tra qualche giorno arriverà il cedolino della pensione di aprile 2022, che si può consultare online nell’area dedicata del sito ufficiale INPS. Sarà possibile verificare l’importo e tutte le voci che lo compongono.
Si potrà notare un assegno pensionistico leggermente detassato, con un importo netto più alto grazie alla riforma IRPEF contenuta nella legge di bilancio 2022. le aliquote irpef infatti sono state abbassate specie per le fasce di reddito intermedie.
Il sito fiscoetasse.com ha riportato in dettaglio ne nuove aliquote IRPEF previste per il 2022 in base alle fasce di reddito:

  • fino a 15.000 euro l’imposta dovuta è il 25% del reddito;
  • da 15.001 fino a 28.000 euro ammonta al 25% ;
  • da 28.001 fino a 50.000 euro ammonta al 35%;
  • sopra i 50.000 euro l’aliquota ammonta al 43%.

Inoltre, come si può notare, oltre all’abbassamento c’è stata una diminuzione delle aliquote IRPEF in base alle fasce di reddito che da 5 diventano 4. Gli abbassamenti più significativi dell’IRPEF riguardano i pensionati delle fasce intermedie (da 15.000 euro a 50.000 euro di reddito). I pensionati che rientrano in questa fascia potranno verificare già dal prossimo cedolino di aprile 2022 un aumento della pensione netta più significativo rispetto alle altre due fasce. Ciò è dovuto ad una tassazione più favorevole.

Ai pensionati interessati non resta che aspettare qualche giorno per verificare l’effettivo aumento sul cedolino di aprile 2022. Ricordo che il cedolino sarà disponibile a breve sul sito INPS nella vostra area personale accessibile tramite SPID.

Condividi su :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *