Menu Chiudi

Come incrementare la pensione futura ed andarci in anticipo in modo volontario

Come incrementare la pensione futura ed andarci in anticipo in modo volontario

Scopri come aumentare la tua pensione futura anche se stai lavorando. I contributi volontari INPS possono aiutarti a ottenere una pensione più alta. Ecco tutto quello che devi sapere.

Sei un lavoratore dipendente e vuoi aumentare il tuo futuro assegno pensionistico? Puoi farlo grazie ai contributi volontari INPS. Anche se il tuo datore di lavoro versa già i contributi obbligatori, hai la possibilità di versare contributi aggiuntivi per migliorare la tua pensione. Questa guida ti spiegherà come funziona.

Come ottenere l’autorizzazione per i contributi volontari

Per iniziare a versare i contributi volontari, è necessario ottenere un’autorizzazione dall’INPS. Questo passo è fondamentale e richiede di soddisfare alcuni requisiti specifici. In particolare, devi avere almeno cinque anni di contributi versati, oppure tre anni di contributi negli ultimi cinque anni precedenti la richiesta. Una volta ottenuta l’autorizzazione, potrai iniziare a versare contributi aggiuntivi, che ti aiuteranno a incrementare la tua futura pensione.

Ottenere l’autorizzazione non è complicato, ma è importante seguire le procedure corrette. Puoi rivolgerti direttamente all’INPS o farti assistere da un consulente del lavoro o un patronato. L’autorizzazione ti permetterà di versare contributi su base volontaria, che si aggiungeranno a quelli obbligatori già versati dal tuo datore di lavoro.

Vantaggi dei contributi volontari per la pensione

I contributi volontari offrono numerosi vantaggi. Ecco alcuni dei più importanti:

  • Aumentano l’importo della pensione: Versare contributi volontari ti permette di incrementare il tuo futuro assegno pensionistico.
  • Copertura dei periodi di inattività: Possono essere utilizzati per coprire periodi in cui non hai lavorato, garantendo una continuità contributiva.
  • Anticipare la pensione: Possono aiutarti a raggiungere i requisiti per la pensione anticipata, permettendoti di andare in pensione prima del previsto.
  • Incremento delle prestazioni: Ogni contributo volontario aggiuntivo incrementa le tue prestazioni pensionistiche, offrendo una maggiore sicurezza economica in futuro.

Questi contributi sono calcolati sulla base della tua retribuzione media degli ultimi 12 mesi di lavoro. Per il 2024, l’aliquota contributiva per i lavoratori dipendenti non agricoli è del 33% per quelli autorizzati dopo il 31 dicembre 1995, e del 27,87% per quelli autorizzati prima di tale data.

Procedura per versare i contributi volontari

Ecco come puoi iniziare a versare i contributi volontari:

  1. Richiedi l’autorizzazione: Contatta l’INPS o un patronato per avviare la richiesta di autorizzazione.
  2. Calcola i contributi: Una volta ottenuta l’autorizzazione, calcola i contributi volontari sulla base della tua retribuzione media.
  3. Versa i contributi: Effettua i versamenti trimestrali dei contributi volontari. L’importo da versare è calcolato in base alle aliquote stabilite dall’INPS.
  4. Monitora i versamenti: Assicurati che i tuoi versamenti siano correttamente registrati dall’INPS per evitare problemi futuri.

Seguendo queste semplici fasi, potrai iniziare a versare contributi volontari e aumentare il tuo futuro assegno pensionistico.

Esempio pratico di versamento contributi

Supponiamo che tu abbia una retribuzione media mensile di 2.500 euro. Per calcolare i contributi volontari, consideriamo l’aliquota del 33% (se autorizzato dopo il 31 dicembre 1995).

  • Retribuzione media mensile: 2.500 euro
  • Retribuzione media annua: 2.500 x 12 = 30.000 euro
  • Aliquota contributiva: 33%

Calcolo dei contributi volontari annui:

  • 30.000 euro x 33% = 9.900 euro

Quindi, dovrai versare 9.900 euro all’anno come contributi volontari, che possono essere suddivisi in versamenti trimestrali:

  • 9.900 / 4 = 2.475 euro a trimestre

Versare contributi volontari è una strategia efficace per aumentare l’importo della tua pensione futura. Anche se il tuo datore di lavoro versa già i contributi obbligatori, i contributi volontari ti permettono di incrementare la tua sicurezza economica per il futuro. Contatta oggi stesso l’INPS o un consulente del lavoro per iniziare il processo e garantire un futuro più sereno.

© foto generata con AI

Condividi su 🠗
Ti interessano i nostri post?
Segui Jeda News su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEGGI ANCHE...