Menu Chiudi

Novità INPS: aumento pensioni fino a 136 euro al mese in base all’età

Di tanto in tanto arrivano buone notizie per i pensionati di tutta Italia da parte dell’INPS. Oggi parleremo di aumento delle pensioni previsto dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. L’aumento sull’assegno pensionistico ammonta da 25,83 euro a 136 euro al mese, e viene definito in base all’età e ad altri requisiti che descriveremo di seguito.

Pensionati Euro
Pensionati Euro

A fronte di una pensione troppo bassa e di particolari requisiti anagrafici, l’INPS ha predisposto un aumento mensile sull’assegno previdenziale.
nel caso in cui un pensionato percepisca un assegno pensionistico minimo troppo basso, e non è coniugato, scatta automaticamente un aumento della pensione da 25,83 euro a 136 euro al mese.

La misura che prevede l’aumento della pensione in tale situazione coincide con le cosiddette maggiorazioni sociali.
La maggiorazione sociale è una forma di incremento delle prestazioni previdenziali in favore di anziani economicamente svantaggiati. E si applica sull’importo delle pensioni, tutte, compresi i trattamenti assistenziali come l’assegno sociale e gli assegni previsti per gli invalidi civili. L’importo è normalmente condizionato dall’età e dal reddito dei richiedenti.

A chi spetta l’aumento delle pensioni INPS da 25,83 euro a 136 euro al mese, in base all’età e al reddito

Analizziamo l’aumento delle pensioni INPS da 25,83 euro a 136 euro al mese, in base all’età e al reddito.
L’aumento minimo su base mensile, di 25,83 euro, è riservato al pensionato dal compimento dei 60 anni di età.
Al compimento dei 64 anni di età l’aumento sulla pensione sale a 82,64 euro.

Quando il pensionato compie i 70 anni di età, l’aumento sulla pensione diventa ancora più corposo. La sua pensione aumenterà di 124,44 euro o di 136,44 euro. Se percepisce la quattordicesima mensilità matura il diritto ad un aumento pari a 124,44 euro. In assenza di quattordicesima invece la maggiorazione sociale si attesta sui 136,44 euro al mese.

Come sopra citato, per ottenere l’aumento sull’assegno previdenziale, oltre ai requisiti anagrafici riportati, bisogna possedere requisiti relativi alla situazione reddituale. Vediamo il requisito in termini di reddito che il pensionato deve possedere, quando scatta l’aumento della pensione:

  • l’aumento di 25,83 scatta solo se il pensionato ha un reddito inferiore a 7.031,7 euro;
  • quello di 82,64 euro avviene solo se il pensionato ha un reddito inferiore a 7.770,23 euro;
  • l’aumento più corposo di 124,44 euro o di 136,44 euro è previsto per i redditi inferiori a  10.043,87 euro.

Nel caso si possedessero entrambi i requisiti, anagrafici e di reddito, l’aumento scatterà automaticamente senza la necessità di presentare alcuna richiesta.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *