Menu Chiudi

‘Mamma, sto bruciando’: bimbo di 6 anni messo al rogo da un bullo

Un bambino di nome Dominik Krankall, di soli 6 anni, ha subito ustioni di secondo e terzo grado al viso e alle gambe dopo che un altro minore gli ha dato fuoco.

Dominik Krankall
Dominik Krankall

Bambino di 6 anni sotto le grinfie di un bullo: ustioni e bende su tutto il corpo. La famiglia della vittima ha detto ai media americani di NBC New York che Dominik stava giocando nel cortile della sua casa con altri bambini del quartiere quando è avvenuto l’incidente.
“Non appena è sceso al piano di sotto, un bullo lo ha chiamato e lo ha tirato dietro l’angolo, e in pochi secondi è tornato dall’angolo urlando, ‘mamma, mi hanno dato fuoco'”, ha detto Kayla Deegan, fratello del piccolo.

La madre di Dominik, María Rua, ha assicurato che l’attacco subito da suo figlio era intenzionale. “Mio figlio è stato vittima di bullismo da quel ragazzo per un anno. Quel giorno gli hanno tirato di proposito una palla imbevuta di benzina e gliel’hanno gettata in faccia in fiamme. L’hanno chiamato per nome per farlo girare, gliel’hanno tirata addosso e l’hanno lasciato là fuori a ardere”, ha detto la donna.

Questo caso è accaduto nella città di Bridgeport, Connecticut, Stati Uniti, la scorsa domenica pomeriggio, quando i vigili del fuoco di quella città hanno ricevuto la chiamata che segnalava un bambino con ustioni in casa.
L’altro bambino accusato di aver commesso l’aggressione sarebbe un vicino di casa di Dominik, 8 anni, e avrebbe usato benzina e accendini per dare fuoco alla pallina da tennis che ha lanciato in faccia alla vittima.

Una campagna è stata creata sulla piattaforma di crowdfunding GoFundMe per aiutare Dominik e la sua famiglia a raccogliere abbastanza fondi per trasferirsi in una zona dove il bambino è lontano dai bulli e può essere al sicuro.
La polizia locale di Bridgeport ha detto a ABC-7 NY che i “rapporti preliminari indicano che circa quattro bambini stavano giocando con la benzina e dando fuoco agli oggetti senza la supervisione di un adulto” e che il caso è ancora sotto indagine da parte delle autorità.

Fonte

Condividi su :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *