Menu Chiudi

Le vecchie monete da 50 lire rare che possono valere migliaia di euro

Potevamo acquistarci al massimo una caramella, in alternativa erano le preferite da introdurre nel nostro bel salvadanaio. Non possiamo dimenticare le vecchie monete da 50 lire rare che appartenevano alla famigerata lira italiana. Coniate sin dal 1950, nelle mani dei giovani di oggi saranno passate tra le mani solo le ultime versioni di queste monete rare, alcune di loro conservano ancora oggi un alto valore di mercato.

50 lire rare valore

Ancora di più alto valore numismatico sono le 50 lire rare più vecchie. In passato sono passate di sicuro nelle tasche dei nostri nonni, e che potrebbero essere ancora presenti nelle case di molti italiani. Di seguito elenchiamo quali sono quelle che valgono di più.
Se ti dovesse capitare di possederne una non esitare nel recarti in un negozio di numismatica o contattare un collezionista per vedere quanto ti offre.

In alternativa puoi provare a venderla in uno dei portali specializzati in monete rare oppure su siti creati appositamente per la compravendita online come eBay.
Per facilitarti il compito puoi seguire i nostri su come vendere le monete.

Teniamo a precisare che nel caso delle 50 lire, il valore di mercato sale se sono in buono stato di conservazione, ancora meglio se in fior di conio (una moneta che non ha praticamente quasi mai circolato). Altri parametri che influiscono sul valore numismatico di una moneta rara sono la tiratura, che deve essere limitata, ovvero pochi pezzi prodotti, e l’anno di conio che ne determina la rarità.

Le vecchie 50 lire che valgono di più

Di seguito elenchiamo le 50 lire preziose che valgono di più di tutte le altre, controlla se ne hai in casa. Le monete rare da 50 lire dal più alto valore numismatico e maggiormente ricercate dai collezionisti sono:

  • 50 lire vulcano di prova del 1950;
  • la versione di prova del 1954;
  • moneta da 50 lire di prova del 1953;
  • la versione vulcano del 1958, 1959, 1960 e 1961.

Come su può notare dall’elenco, la versione più comune di questa moneta è la versione vulcano.
La versione della 50 lire vulcano presenta su una faccia della moneta il profilo di donna ornata con una corona di foglie di quercia intorno alla testa, sul rovescio invece è raffigurato il corpo nudo del Dio Vulcano che forgia una vanga.

50 lire vulcano del 1954
50 lire vulcano del 1954 – photo credit: monetedivalore.it

Le versioni di prova della 50 lire vulcano

Le versioni di questa moneta che valgono di più sono le versioni di prova del 1950 53 e 54.

versione di prova del 1954
50 lire prova del 1954 – Photo credit: numismatica-italiana.lamoneta.it/

Nella versione prova, a differenza delle altre è presente per l’appunto la dicitura “prova” sulla sinistra del Dio Vulcano sul rovescio della moneta. Le versioni di prova sono molto rare e a tiratura limitatissima. Sono presenti pochissimi pezzi in circolazione, per questo tale versione è molto rara e ricercata da collezionisti disposti a pagare una fortuna per ottenerla.

Il valore della versione di prova del 1950 gira intorno ai 3000 euro cadauno in fior di conio. La versione di prova del 1954 invece può arrivare a 6000 euro cadauno in fior di conio in quanto è una tiratura ancora più limitata. Ma il fiore all’occhiello è la versione di prova del 1953, rarissima che può superare i 10000 euro cadauno in fior di conio.

Le 50 lire Vulcano del 1958, 1959, 1960 e 1961

50 lire del 1958
50 lire del 1958 – photo credit: valoremonete.net

Come sopra citato questa moneta fu coniata a partire dal 1950 fino al passaggio all’euro, per questo ne esistono diverse versioni. Ma solo le annate meno recenti e a tiratura limitata valgono di più. Inoltre la versione vulcano assume un valore numismatico rilevante solo se in fior di conio. Detto ciò gli anni in cui la zecca ne ha prodotti pochissimi pezzi e di conseguenza difficili da trovare sono quelli che vanno dal 1958 al 1961. Una moneta compresa in questi anni può valere intorno ai 700 euro cadauno, ma ripetiamo, solo se in fior di conio.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *