Menu Chiudi

Il grave errore che tutti fanno per togliere le macchie di umidità dalle pareti

La presenza di umidità nel proprio appartamento è davvero brutta da vedere e genera spesso disagio e imbarazzo. Inoltre la comparsa delle muffe, oltre ad un problema estetico, rappresenta un serio rischio per la salute degli occupanti che potrebbero riscontrare problemi all’apparato respiratorio e allergie di vario tipo.

La presenza di muffa in casa non è affatto un problema da sottovalutare, per questo molti cercano di correre ai ripari come meglio possono, ma commettendo spesso gravi errori. Tali errori sono dovuti all’inesperienza nel campo e alla volontà di togliere quelle fastidiose macchie nel più breve tempo possibile. E’ proprio la fretta che spesso ci porta a fare sbagli, e questo vale anche quando si tenta di risolvere problemi legati all’umidità.

Gli errori che quasi tutti fanno in caso di umidità

Ci sono degli errori comuni che quasi tutti fanno in appartamenti con presenza di umidità. Non si tratta di sbagli dovuti al tentativo di rimuovere l’umidità, bensì di abitudini scorrette che fanno degenerare questo fenomeno e proliferare la formazione di muffe. Questi sono:

  • posizionare armadi e mobili troppo vicino alle pareti;
  • aprire raramente le finestre;
  • tenere quasi sempre le tende chiuse;
  • accendere raramente la cappa della cucina;
  • non aprire la finestra subito dopo aver fatto la doccia;
  • possedere troppe piante in casa.

Quelli sopra elencati sono errori abituali di molti che contribuiscono, e di molto, all’aumento di umidità e muffa in casa. La maggior parte di questi impediscono un giusto ricambio d’aria in casa, che è fondamentale per contrastare al meglio il fenomeno dell’umidità. Poi ci sono quegli errori legati alla volontà di rimuovere le macchie di muffa dalle pareti. Di seguito vediamo i due più comuni e controproducenti.

Mai carteggiare o verniciare sulle macchie di muffa

umidità carteggiare sulla muffa
Carteggiatura – screenshot YouTube canale: Solopittura di Massimo Lattanzi

Sono tantissimi quelli che, per togliersi da davanti gli occhi quelle fastidiose macchie di muffa pensano di verniciarci su. Questo è un grave errore per due motivi. Innanzitutto è assolutamente controproducente in quanto le spore della muffa tendono a sovrastare il nuovo strato di vernice. La muffa è un fungo, un organismo vivente che si riproduce, non ci metterà molto ad oltrepassare il nuovo strato di vernice, bastano pochi giorni.

Inoltre se si va ad applicare una vernice lavabile la parete traspira di meno causando una espansione  dell’umidità.
Le macchie andrebbero eliminate e sradicate prima di verniciarci su, e molti per fare ciò commettono un errore ancora più grave di quello appena accennato: scartavetrano sulla muffa.

Carteggiare con della carta vetrata sulla muffa è molto deleterio in quanto si rilasciano nell’aria le spore, mettendo in pericolo la salute degli occupanti e anche le pareti adiacenti a quella che stiamo cercando di pulire. Ricordiamo che le spore si riproducono, finiranno per staccarsi da una parete, fluttuare in aria, attaccarsi ad un’altra parete e riprodursi. nella peggiore delle ipotesi vengono inalate provocando seri problemi di salute.

Le macchie di umidità andrebbero rimosse con un antimuffa o con uno dei trucchi da noi proposti. Successivamente si potranno verniciare le pareti, ma sarebbe meglio prima risolvere il problema umidità a livello strutturale  dell’edificio per far sì che queste restino pulite a lungo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *