Menu Chiudi

Oneri di sistema abbattuti e bollette più basse: hanno mantenuto la parola

Era prevista una maxi stangata sulle bollette a partire dal mese di ottobre, a causa dell’aumento del costo dell’energia causato dal rialzo dei prezzi delle materie prime per produrla. Stessa cosa per il Gas, era previsto già dal mese scorso un rialzo consistente sulle fatture. Il Governo abbatte gli oneri di sistema in bolletta e riduce l’importo in modo da non far percepire l’aumento alle famiglie italiane.

Le famiglie italiane aspettavano con ansia le bollette di luce e gas previste per questo mese e relative al bimestre settembre – ottobre. Aspettavano l’aumento del 40% tanto sbandierato da molti organi di informazione, dovuto al rialzo dei prezzi delle materie prime utilizzate per produrre energia. Il governo, per affrontare il problema, già dal mese scorso si è adoperato per trovare una soluzione. Le famiglie italiane non potevano affrontare un rialzo della spesa di tale portata, che avrebbe portato al collasso, specie coloro che vivono al di sotto, o al limite della soglia di povertà.

Il decreto Taglia Bollette

Lo scorso mese di settembre è stato approvato il Decreto Taglia Bollette, una misura atta ad arginare tale problematica. La misura prevede per l’ultimo trimestre dell’anno un drastico taglio agli oneri di sistema che gravano sulle bollette luce e gas, per favorire risparmi alle famiglie in vista dell’aumento delle materie prime energetiche.
Per quanto riguarda il Gas, il decreto prevede che scende al 5% l’IVA sulle forniture di gas per usi civili e industriali. Attualmente l’Iva pagata dagli italiani sulle bollette del gas è pari al 10% o 22% a seconda del consumo. Inoltre gli oneri generali vengono riportati a zero fino a raggiungere i 480 milioni di euro stanziati dal Governo per coprire questi costi.

Le  utenze elettriche domestiche e non domestiche in bassa tensione con potenza disponibile fino a 16,5 kW, vedranno ridursi drasticamente le aliquote relative agli oneri di sistema relative al quarto trimestre del 2021. I percettori del bonus sociale invece non percepiranno alcun aumento in bolletta. Per questa tipologia di utenti verranno di fatto azzerati gli effetti degli aumenti delle bollette.

La fattura di novembre

Anch’io, come molti altri italiani ero in ansia in vista del rincaro previsto sulla fattura del mese di novembre. La fattura mi è arrivata e sono rimasto davvero sorpreso. Il governo aveva parlato di una riduzione degli aumenti, pensavo che si trattasse di pochi euro a famiglia. La mia bolletta è addirittura più bassa del periodo precedente agli aumenti in termini di energia elettrica!

Bolletta della luce taglio oneri
Bolletta della luce con taglio oneri di sistema

L’immagine sopra è uno screenshot della sezione relativa ai dettagli che hanno composto l’importo totale della fattura della luce, relativa al bimestre settembre – ottobre 2021. Premetto che finora ho pagato mediamente 230€ a bimestre per la corrente elettrica. Consumo mediamente gli stessi kWh ogni bimestre. Come potete notare mi sono stati conteggiati solo 10,03€ di oneri di sistema. Gli oneri nelle mie fatture precedenti erano pari mediamente al 30% dell’importo totale della fattura! La spesa per l’energia invece è aumentata drasticamente. Consumo mediamente 70€ di energia a bimestre, ora ne sono arrivati 105,62€, quindi il costo per ogni kW/h è aumentato, e non di poco, proprio come previsto.

Ma l’abbattimento degli oneri ha fatto sì che l’importo totale sia addirittura inferiore a quello delle fatture precedenti! Il Decreto Taglia Bollette ha funzionato. A me personalmente non importa se pago di più di energia e meno di tasse o viceversa, importa che in totale pago di meno! Questa è la dimostrazione che se si abbassassero le tasse in Italia, gli italiani potrebbero vivere meglio, anche nelle difficoltà.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *