Menu Chiudi

Una parte delle bollette di luce e gas la paga l’Inps, come aderire

Si tratte di un nuovo bonus per pagare le bollette di luce e gas che scatterà in automatico, riservato a milioni di famiglie italiane. Il meccanismo di accettazione ed erogazione è scattato a partire dal 1° gennaio 2021. Vediamo in particolare di cosa si tratta, cosa bisogna fare per aderire e i requisiti richiesti.

Per milioni di famiglie e cittadini italiani è previsto il bonus bollette, si tratta di uno sconto sulle fatture di luce, gas e acqua. E’ riservato in particolare ai nuclei familiari numerosi che sono in difficoltà economica e ai cittadini che hanno disagi fisici. Il contributo a partire da quest’anno è automatico con la compilazione del DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) ai fini ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente).

In base ai redditi percepiti è stato calcolato che ben 2,6 milioni di famiglie italiane avrebbero il diritto alla riduzione automatica dell’importo, prevista dal bonus su bollette di corrente elettrica e gas. Mentre diverso è il bonus elettrico legato al disagio fisico. Questo è riservato soltanto ai soggetti con gravi problemi di salute che hanno la necessità di utilizzare costantemente apparecchiature elettriche salvavita. Vediamo di seguito come fare per richiedere il beneficio per entrambi i casi e i requisiti.

Bonus bollette luce e gas 2021

Come fare per ottenere il bonus

Il bonus bollette esiste già da qualche anno, ma negli anni passati bisognava fare domanda tramite il proprio Comune di residenza o un CAF o patronato abilitato per questo tipo di pratiche. A partire dal 2021 invece scatterà in automatico dopo aver presentato la Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu), ai fini dell’Isee.
Situazione diversa invece per il bonus elettricità legato al disagio fisico, per il quale, come negli anni passati, si dovrà continuare a presentare richiesta al proprio Comune di residenza o presso un CAF.

Nel primo caso l’Inps invierà automaticamente le informazioni al Sistema Informativo Integrato (Sii). SII è la banca dati che contiene informazioni utili a individuare le forniture elettriche, gas e i gestori idrici competenti per territorio. Tramite un controllo di dati incrociato saranno evidenziate le famiglie che hanno diritto allo sconto in fattura con le relative forniture di luce, gas o acqua. In questo modo il bonus bollette scatterà in automatico per tutto il 2021 senza la necessità di fare nulla.

Quando parte e quanto dura il bonus

Il bonus bollette, ossia lo sconto sulle fatture di elettricità, luce, gas e acqua, sarà applicato per 12 mesi a partire dall’accettazione. Le verifiche sopra citate tra INPS e SII, per quanto riguarda l’anno 2o21, inizieranno nel mese di luglio. Quindi gli sconti inizieranno a verificarsi a partire dai mesi successivi in tutte le fatture di fornitura energetica degli aventi diritto. Ma quali sono i requisiti che determinano il diritto ad ottenere il beneficio? Vediamoli di seguito.

I requisiti per ottenerlo

Un solo componente del nucleo familiare ha diritto ad ottenere lo sconto sulle bollette previsto dal bonus, ossia l’intestatario delle forniture energetiche di luce, gas e idriche. Il nucleo familiare pertanto deve possedere i seguenti requisiti:

  • Isee non superiore a 8.265 euro per famiglie che hanno fino a 3 figli a carico;
  • indicatore Isee non superiore ai 20mila euro per famiglie con almeno 4 figli a carico;
  • l’intestatario della fornitura deve essere titolare di reddito o pensione di cittadinanza.

Ecco spiegato tutti i dettagli sul Bonus bollette luce e gas 2021 e come ottenerlo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *