Menu Chiudi

La mamma che gira il mondo con il figlio disabile sulle spalle: “voglio renderlo felice”

Queste immagini di madre-figlio faranno emozionare, la donna è uscita a vagare per il mondo portando il figlio disabile sulla schiena.
La mamma è sempre la mamma! Una madre può andare fino a qualsiasi punto per salvare suo figlio da ogni problema e donargli ogni felicità. In questi giorni, Nikki Antrum, una madre australiana, è  diventata famosa in tutto il mondo. Ha portato suo figlio disabile sulla schiena nel corso di tutti i suoi viaggi. Alcune belle foto di questa madre e del figlio stanno diventando virali sui social media, dopo aver visto le quali vi emozionerete sicuramente.

Niki an Jimmy

Quando Nikki Antrum, 43 anni, aveva solo 17 anni, ha dato alla luce suo figlio Jimmy. Purtroppo, suo figlio è nato con una disabilità e con la cecità. In una tale situazione, Nikki deve prendersi cura di lui per 24 ore. Ma questa madre non ha lasciato che i suoi problemi si intromettessero nella felicità di suo figlio.
Jimmy ora ha 26 anni. Nikki l’ha portato sulle spalle e ha viaggiato dalle Hawaii a Bali e in molti luoghi del mondo.

Secondo il sito web DailyMail, Nikki Antrum è residente a Sunshine Coast di Queensland in Australia. Aveva promesso a suo figlio una buona vita, e così è stato. Questa madre vuole dare a suo figlio tutta la felicità di cui ha bisogno un bambino normale.
Molte immagini di questa madre-figlio stanno diventando virali sui social media, specie quelle in cui Nikki porta il figlio sulle spalle in giro per il mondo.

Niki an Jimmy 3

La madre ha raccontato al noto giornale online che deve portare pannolini, vestiti, materassini, lenzuola e cuscini mentre va in vacanza, compreso il figlio sulle spalle.
Prima di partire per il viaggio, mette in valigia tutto ciò di cui Jimmy ha bisogno, anche se risulta essere più di quello che è necessario. Questa storia di madre e figlio sta facendo commuovere tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *