Menu Chiudi

Confermato Maxi aumento delle pensioni a luglio: cosa si riceverà sul cedolino

Buone notizie per molti pensionati i quali vedranno la pensione relativa al mese di luglio 2022 maggiorata, e non di poco. Vediamo perché.

Banconote da 50 euro
Banconote da 50 euro

La mensilità di luglio sarà decisamente corposa per tanti pensionati ,la brutta notizia però è che l’aumento sarà purtroppo temporaneo, o per meglio dire una tantum. La maggiorazione infatti si applicherà solo sul cedolino relativo al mese di luglio 2022. Vediamo in dettaglio cosa riceveranno sul cedolino del mese in questione  molti pensionati, e a quanto ammonta la maggiorazione.

Il bonus 200 euro

Il governo con il Decreto Aiuti ha stanziato il cosiddetto bonus 200 euro. Il decreto oltre alle misure per contrastare il caro vita (carburanti, bollette energetiche, gas e aumento dei prezzi in generale) contiene un bonus da 200 euro una tantum (percepibile una sola volta), destinato a pensionati, lavoratori e ai percettori del reddito di cittadinanza. Il bonus però è destinato ai soggetti o alle famiglie con reddito complessivo fino a 35.000 euro annui. Visto che la maggior parte delle famiglie italiane vivono al di sotto di tale soglia, il contributo economico è destinato ad una platea molto ampia.

Va precisato che per reddito complessivo si intende reddito non ISEE, quindi sono esclusi dal calcolo del reddito eventuali beni immobiliari di proprietà o altro, si terrà conto solo ed esclusivamente del reddito percepito. Nel caso di un pensionato ad esempio si terrà conto solo della pensione percepita, che non deve superare i 35 mila auto annui.
Molti pensionati quindi vedranno erogarsi le 200 euro direttamente sul cedolino pensione del mese di luglio 2022. Quindi le pensioni di luglio saranno maggiorate di 200€ per tutti i pensionati con reddito inferiore o uguale a 35.000 euro annui.

La quattordicesima mensilità

Ma non finisce qui. Nel mese di luglio, oltre al bonus di 200 euro, molti pensionati riceveranno anche la quattordicesima. Coloro che hanno i requisiti per ricevere il bonus, più la quattordicesima mensilità, nel mese di luglio riceveranno un assegno pensionistico decisamente pompato.
le 200 euro però, come specificato sono una tantum, e si riceveranno una sola volta, un contentino assolutamente insufficiente rispetto al reale aumento del costo della vita negli ultimi mesi.

Benzina, bollette, aumenti al supermercato, una famiglia spende almeno 200 euro in più AL MESE rispetto al periodo precedente i rincari. 200 euro una tantum servono a poco, aiutano soltanto a “dare respiro” nel mese in cui si percepiscono.

Condividi su :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *