Menu Chiudi

Come ottenere la pensione di vedovanza, in aggiunta alla pensione di reversibilità

Oggi parliamo della pensione di vedovanza, si tratta di un assegno integrativo alla pensione di reversibilità, che può essere richiesto dai coniugi superstiti di un pensionato defunto, in possesso di determinati requisiti. Vediamo quali sono questi requisiti e a quanto ammonta la pensione di vedovanza.

Pensione di vedovanza
Foto di Magdolna Krasznai V da Pixabay

L’assegno di vedovanza, o pensione di vedovanza, noto anche come assegno integrativo alla pensione di reversibilità, è una misura nata per sostenere economicamente tutti coloro che hanno perso il proprio coniuge e si trovano in una condizione di particolare difficoltà economica.
Il diritto all’assegno di vedovanza infatti è riconosciuto alle vedove e ai vedovi inabili al lavoro.

L’importo dell’assegno di vedovanza non è molto elevato e varia a seconda del reddito familiare:

  • per i redditi che non superano 28660 euro l’assegno di vedovanza ammonta a 52,91 euro al mese;
  • con un reddito compreso tra 28860 euro e 32148 euro ammonta a 19,59 euro al mese;
  • per i redditi superiori a 32148 euro non si ha più diritto all’assegno di vedovanza.

Precisiamo che questi limiti vengono sempre aggiornati anno per anno, quelli appena elencati fanno riferimento a luglio 2020, quelli per il 2021 dovrebbero essere aggiornati sempre nel mese di luglio, ma in genere variano di pochissimo.

Per poter richiedere l’assegno di vedovanza è necessario essere vedova o vedovo di un lavoratore sia del settore pubblico che privato, percepire la pensione di reversibilità, ed essere invalido al 100%, inabile o titolare di accompagnamento.
La domanda va presentata, da parte del richiedente, o per via telematica tramite il sito dell’INPS, tramite il contact center dell’Istituto Nazionale della Previdenza sociale o tramite patronato.

In caso di accettazione della domanda si possono percepire anche gli arretrati fino ad un massimo di 5 anni.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *