Menu Chiudi

Come eliminare per sempre umidità e muffa intorno alle finestre

Capire le cause comuni dell’umidità nella tua casa può permetterti di prevenire problemi seri. Questo fenomeno provoca la muffa, la quale si forma tipicamente in qualsiasi luogo caldo e umido. Alcuni dei luoghi più comuni in cui trovarla sono intorno alle finestre, ai davanzali, ai tetti che perdono, alle tubature o ovunque ci siano stati danni o allagamenti.

Umidità sul telaio della finestra
Foto pixabay.com

Queste fastidiose macchie intorno alle finestre di casa tua è l’ultima cosa che vorresti vedere. Non solo possono danneggiare gli infissi, ma possono anche causare alcuni seri problemi di salute.
Scopri perché sono apparse, cosa puoi fare per rimuoverle e come puoi evitare che compaiano di nuovo.

Le cause della formazione di umidità intorno alle finestre

Senza un flusso continuo di aria fresca dentro e fuori la casa, l’umidità relativa aumenta. Alla fine porta alla condensazione, specialmente con le fluttuazioni di temperatura che si verificano durante l’inverno. Dopo un periodo in cui questo ciclo continua, le goccioline d’acqua che si formano sulle superfici più fredde possono portare alla crescita di muffe e, in alcuni casi, a danni al tessuto dell’edificio stesso.

Questo problema, intorno alle finestre, è molto comune ma passa spesso inosservato. Basta mettere una tenda e non lo avremo più davanti ai nostri occhi, ma in questo modo il problema si oscura, non si risolve. Se non si affronta la situazione, questa pecca fastidiosa si diffonderà rapidamente al resto della casa e comprometterà la qualità dell’aria interna. Questo danno porterà poi a ulteriori spese per la risoluzione.

Il principale motivo per cui queste macchioline si formano intorno alle finestre è la condensa. L’aria calda all’interno della casa colpisce il vetro della finestra dove viene rapidamente raffreddata dall’aria esterna producendo la condensa.

Altri fattori che aumentano la condensa sono:

  • Tempo umido e bagnato;
  • Riscaldamento insufficiente;
  • Tubi che perdono;
  • Il vapore causato da un bagno o una doccia;
  • Fumo;
  • Fuochi aperti e bruciatori a legna.

I danni per la salute causati dall’umidità in casa

Molte persone sono sensibili alle muffe e possono sperimentare reazioni allergiche nella loro casa. Le spore rilasciano tossine, note come micotossine, che se respirate possono causare danni ai polmoni, alla pelle e al sistema nervoso. Oltre a coloro che già soffrono di problemi respiratori o cutanei, le persone più suscettibili sono i neonati, i bambini e gli anziani. Quando avviene l’esposizione, le spore di questo organismo vivente possono causare infezioni, allergie, irritazioni, asma e altri problemi di respirazione o di salute. Qualsiasi membro della tua famiglia che ha già problemi respiratori o allergie, può peggiorare la situazione se vive in una casa umida.

I sintomi includono:

  • Congestione nasale e dei seni;
  • Naso che cola e starnuti;
  • Irritazione degli occhi;
  • respiro affannoso e problemi di respirazione;
  • Torace stretto e tosse;
  • Irritazione della gola;
  • Eruzioni cutanee;
  • Mal di testa.

Prevenzione della muffa in casa

La condensa è creata da un eccesso di umidità, quindi il modo migliore per prevenirla è quello di rimuovere quanta più umidità possibile.

Fare uscire subito i vapori

Assicurarsi che qualsiasi vapore creato ad esempio nel bagno o in cucina esca attraverso una finestra o un estrattore. Anche asciugare le superfici bagnate subito vi aiuterà.

Deumidificare l’ambiente

I deumidificatori sono un ottimo modo per rimuovere le particelle di vapore acque in eccesso nell’aria. Sono disponibili in una varietà di dimensioni e prezzi diversi. trova il deumidificatore adatto per te.

Mantenere la casa adeguatamente riscaldata

Mantenere la casa riscaldata in modo uniforme e non permettere alla temperatura di salire e scendere drasticamente aiuterà a prevenire la condensa. Se l’aria calda diventa rapidamente fredda e poi di nuovo calda, produrrà condensa.

Finestre con doppi vetri

La ragione per cui la muffa è così comune intorno alle finestre è che l’aria calda dall’interno incontra l’aria fredda dall’esterno. Il modo migliore per fermare questo fenomeno è creare uno strato isolante tra l’esterno freddo e l’interno caldo.
Le finestre a doppio o triplo vetro di buona qualità fanno esattamente questo. Sono progettate specificamente per evitare che il calore passi dall’interno all’esterno e viceversa. Questo significa che la superficie del vetro interno rimane calda, creando molto meno condensa e quindi muffa.

Rimozione di muffe e funghi intorno ai telai delle finestre

Molte persone non si rendono nemmeno conto di avere questo problema sulle loro finestre. Nella maggior parte delle case, le macchie cominciano a crescere nella parte inferiore delle finestre, nel punto di giunzione tra il vetro e il telaio dell’anta della finestra. In genere sono scure e possono essere viste, ma a volte possono essere dello stesso colore del telaio, e quindi molto difficili da vedere. Va precisato che le spore possono distruggere gli infissi in legno.

Le finestre  sono una calamita per l’umidità, prendono un colpo dalla pioggia all’esterno e condensano l’umidità in eccesso all’interno. Le proprietà, specialmente quelle di nuova costruzione, vogliono trattenere più calore possibile, ma questo spesso ha lo sfortunato effetto a catena di non permettere all’umidità in eccesso di uscire.

Quando si intende rimuovere questo problema dagli infissi, è importante capire che la sicurezza viene prima di tutto. Prima di iniziare, indossate sempre occhiali di sicurezza, guanti e una maschera antipolvere, per essere sicuri di non ingerire le spore pericolose che possono essere rilasciate nell’aria.
Copri il pavimento sotto la finestra che stai pulendo per catturare tutto ciò che cade.

È anche molto importante che ci sia un’adeguata ventilazione nella stanza. Apri una finestra o una porta in modo che le spore possano uscire, invece di rimanere chiuse in casa.

Utilizzare acqua e candeggina

Procedi come segue:

  1. Apri l’infisso;
  2. Fai una miscela di una parte di candeggina per tre parti di acqua calda;
  3. Strofina la muffa dal davanzale e dal telaio della finestra usando una spazzola non abrasiva e immergendo spesso la spazzola nella miscela di candeggina;
  4. Usare uno straccio pulito per asciugare la muffa che si è staccata;
  5. Lascia asciugare completamente il davanzale prima di chiudere la finestra;
  6. Pulire qualsiasi residuo rimanente.

Il modo migliore per assicurarsi che i vostri infissi rimangano asciutti è assicurarsi che la vostra casa sia ben ventilata e la migliore soluzione di ventilazione è un’unità per tutta la casa.

Come rimuovere l’umidità dalle finestre con l’aceto

Quando si usa l’aceto, si dovrebbero sempre indossare i guanti per evitare irritazioni. Procedere  come segue:

  1. riempire una bottiglia spray con aceto bianco. In alternativa, bagnare un panno con l’aceto e strofinare;
  2. spruzzare accuratamente l’aceto sulla muffa;
  3. L’aceto ha bisogno di tempo per eliminare la muffa, quindi lasciatelo per 1 ora;
  4. Usare una spazzola e acqua calda per eliminare la muffa;
  5.  pulire la superficie con acqua calda e lasciare asciugare la zona.

Se la muffa riappare, riprova l’intero processo. Potresti anche combinare l’aceto con altri prodotti come il bicarbonato di sodio o il sale per aumentare le possibilità di successo nella rimozione della muffa nera.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *