Menu Chiudi

Zangrillo e la scena fuori dalla farmacia che lo ha mandato su tutte le furie

Da alcune settimane in molte città d’Italia si assiste alla stessa scena: lunghissime code fuori le farmacie di pazienti in attesa di tampone. Veri e propri assembramenti all’aperto che tra l’altro, in base all’ultimo Decreto Natale, sono anche vietati.
Le file si sono verificate soprattutto prima di Natale, in quanto molti italiani hanno deciso di sottoporsi al tampone prima delle festività natalizie, a causa di sintomi lievi o più gravi. A questi si aggiungono io non immunizzati i quali, per spostarsi con aerei e treni, sono costretti al test.

Foto Zangrillo farmacia Milano

Le farmacie hanno lavorato a pieno regime anche nei giorni di festa, processando tamponi su tamponi, sia rapidi che molecolari. Un introito di non poco conto per le casse. Molti sono gli esperti in disaccordo con questo metodo, uno dei quali è Alberto Zangrillo, primario del reparto Anestesia e rianimazione dell’Ospedale San Raffaele di Milano.
Passando verso le ore 10:00 in centro a Milano,, il giorno di S. Stefano ha immortalato e pubblicato sui social una foto con una imponente fila fuori da una farmacia.

Questo il suo commento alla foto:
Santo Stefano, ore 10 a Milano. 200 metri di coda per alimentare le casse delle farmacie, il terrorismo giornalistico e certificare la morte del Paese“.
Parole che non lasciano spazio a dubbi su come la pensa il primario. Gli assembramenti fuori dalle farmacie sarebbero frutto del terrorismo giornalistico, il quale, tramite una reazione a catena, è alimentato dalla gente stessa. Non a caso da ieri tutti i principali tg nazionali parlano proprio di questi assembramenti di persone che si sottopongono a tampone.

In pratica zangrillo ha voluto dirci che il terrorismo mediatico spinge la gente all’ansia e alla paranoia, tutti corrono a farsi tamponare, poi i media stessi sfruttano questo evento, creato da loro stessi, per fomentare ulteriore terrorismo. Intanto le farmacie ingrassano e il Paese si blocca. Voi cosa ne pensate?

 

Condividi su :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *