Menu Chiudi

La zona euro si sta trasformando in una macchina della povertà. La denuncia del telegraph

zona euro povera

Siamo tutti tediosamente consapevoli di come la zona euro sia in un disastro finanziario. Ma ora comincia a diventare chiaro che è anche un disastro sociale. Ciò che spesso si perde nella discussione sui tassi di crescita, sui salvataggi e sull’armonizzazione bancaria è che l’eurozona si sta trasformando in una macchina della povertà.

Mentre la sua economia ristagna, milioni di persone stanno cadendo in una vera e propria miseria. Che sia misurata su base relativa o assoluta, i tassi di povertà sono saliti in tutta Europa, con i peggiori risultati riscontrati nell’area coperta dalla moneta unica.
Non potrebbe esserci un’accusa più scioccante per il fallimento della moneta unica, o un richiamo più forte al fatto che il tenore di vita migliorerà solo quando l’euro sarà radicalmente riformato o smontato.

La situazione peggiora. Si definisce “a rischio di povertà” chi vive con meno del reddito medio nazionale. Ma questo reddito medio è diminuito negli ultimi sette anni, perché la maggior parte dei paesi della zona euro non si è ancora ripresa dal crollo. In Grecia, il reddito medio è sceso da 10.800 euro all’anno a 7.500… le persone stanno diventando relativamente e assolutamente più povere.

L’UE si è posta l’obiettivo di ridurre significativamente le misure chiave della povertà entro il 2020. Sta fallendo miseramente. Ancora peggio, sta diventando chiaro che una delle sue politiche principali, la creazione dell’euro, e i pacchetti di salvataggio maldestri, sono in gran parte responsabili del fallimento.

Alla fine, la crisi finanziaria è risolvibile. Può essere risolta con i salvataggi e con la stampa di più soldi.  Ma il fatto che i livelli di povertà stiano aumentando così rapidamente in quelli che erano paesi prosperi è scioccante.

Riferimento: The Telegraph

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *