Menu Chiudi

Altro che 36 mesi, il Reddito di Cittadinanza diventa infinito

Sono molti i percettori del Reddito di Cittadinanza a chiedersi: cosa succede dopo 36 mesi? Quanto dura l’RDC? Quando scade? Facciamo chiarezza sull’argomento.

Famiglia felice
© pixabay.com

Il Reddito di Cittadinanza è stato concepito per dare un sostegno economico a persone singole e famiglie in difficoltà. Durante il periodo in cui si percepisce il beneficio, i percettori sarebbero tenuti a frequentare corsi di formazione promossi dallo stato e a lavorare per 8 ore settimanali per il proprio comune di residenza. Il tutto in attesa di un posto di lavoro che dovrebbe essere proposti tramite i Centri per l’Impiego tramite previo colloquio con i cosiddetti navigator.

Ma cosa succede se questo posto di lavoro non arriva? Una volta scaduto il termine di 36 mesi, il Reddito di Cittadinanza decade? C’è un limite di volte dopo il quale non potrà più essere rinnovato?

Sono questi i punti su cui bisogna fare chiarezza in quanto tra i percettori c’è ancora molta confusione in merito. C’è infatti la convinzione che dopo i 36 mesi dall’inizio della ricezione del sussidio, questo decade e non è più possibile rinnovarlo. Sono stupidaggini che addirittura molti patronati disinformati mettono in giro, e questa è una cosa grave.

Sul sito ufficiale del Reddito di Cittadinanza, dove è descritta la misura nei minimi dettagli, non c’è alcun riferimento al limite di volte in cui è possibile rinnovare il sussidio. Non esiste attualmente un ipotetico numero massimo di rinnovi. Ogni 18 mesi l’RDC decade, dopo la decadenza ogni percettore deve rinnovare l’ISEE e ripresentare domanda. Se si possiedono ancora i requisiti per accedervi si potrà continuare a percepire il sussidio per altri 18 mesi, e così via, per un numero illimitato di volte.

Ovviamente restano le regole da rispettare per non perdere il beneficio, tra le quali il fatto che non si possono rifiutare tre posti di lavoro.
Il Reddito di cittadinanza verrà sicuramente rivisto, ci saranno di sicuro cambiamenti per quanto concerne i requisiti per accedervi e le regole da rispettare per mantenerlo, ma al momento non esiste alcun limite per i rinnovi.

Condividi su :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *