Menu Chiudi

Ti sei mai chiesto perché non fanno più smartphone con batterie rimovibili? Il motivo ti lascerà di stucco

Nell’era della tecnologia mobile, gli smartphone sono diventati una componente indispensabile della nostra vita quotidiana. Con il passare degli anni, abbiamo assistito a un’evoluzione significativa nel design e nelle funzionalità di questi dispositivi. Una delle trasformazioni più notevoli è la transizione dalle batterie rimovibili a quelle fisse. Questo cambiamento ha suscitato un ampio dibattito e curiosità: perché i produttori hanno smesso di produrre smartphone con batterie estraibili? La risposta a questa domanda non è semplice e coinvolge diversi fattori.

Il mondo degli smartphone è dominato da giganti come Apple, Samsung, e Xiaomi, che hanno progressivamente abbandonato le batterie rimovibili. Questa scelta è stata influenzata da molteplici ragioni tecniche e strategiche, spesso misconosciute o sottovalutate dal grande pubblico.
In questo articolo, esploreremo in dettaglio le motivazioni dietro questa tendenza, offrendo una panoramica completa che va oltre le mere speculazioni. Vediamo di seguito le principali ragioni dietro questa tendenza.

Perché gli smartphone non hanno più le batterie rimovibili

Smartphone con batteria rimovibile
Smartphone con batteria rimovibile © Jeda News

Efficienza di Spazio e Layout Interno

Le batterie fisse consentono una maggiore libertà nella progettazione del layout interno degli smartphone. Ad esempio, consente la creazione di batterie di forme insolite, come quelle a forma di L negli iPhone, e di posizionarle in modo ottimale all’interno del dispositivo. Ciò favorisce l’integrazione di componenti avanzati come reparti fotografici ricchi di sensori e sensori di impronte digitali​​.

Ricarica Più Veloce e Sicurezza

La ricarica veloce è un’altra caratteristica importante degli smartphone moderni. Le batterie fisse sono più adatte a supportare elevate potenze di ricarica, in quanto evitano problemi come sporco, polvere e falsi contatti che potrebbero insorgere con batterie rimovibili​​.

Resistenza all’Acqua e Durabilità

La resistenza all’acqua è un fattore cruciale per molti utenti. Una scocca completamente sigillata, necessaria per ottenere certificazioni di resistenza all’acqua come IP68, è più facilmente realizzabile con batterie fisse. Inoltre, questa caratteristica migliora anche la resistenza alla polvere​​​​.

Sicurezza e Obsolescenza Programmata

Alcuni smartphone includono funzionalità di sicurezza che impediscono lo spegnimento del dispositivo, ad esempio in caso di furto. Avere una batteria non rimovibile rende più difficile per i malintenzionati disattivare il telefono e può aiutare a tracciare la posizione del dispositivo anche quando è spento. Inoltre, la scelta di batterie non rimovibili si inserisce nella strategia di obsolescenza programmata, dove le batterie, dopo un certo numero di cicli di ricarica, iniziano a degradarsi, spingendo gli utenti verso l’acquisto di nuovi dispositivi​​.

La possibilità di tracciare la posizione di uno smartphone anche quando è spento è uno dei motivi menzionati per cui i produttori preferiscono le batterie non rimovibili. Questa funzionalità migliora la sicurezza del dispositivo, rendendo più difficile per i malintenzionati spegnerlo completamente e impedire la localizzazione, per esempio in caso di furto.

Con una batteria non rimovibile, l’unico modo per spegnere completamente il telefono sarebbe quello di scollegare fisicamente la batteria, il che è reso più difficile dalla scocca unica e dalla necessità di strumenti specializzati per aprire il dispositivo. Ciò consente di mantenere attive alcune funzioni del telefono, come la localizzazione GPS, che potrebbero essere utili per tracciare il dispositivo in caso di smarrimento o furto.​

Ma allora, anche quando il telefono è spento possiamo essere geolocalizzati?

La risposta è in molti casi SI.

La preoccupazione che la tecnologia di geolocalizzazione in smartphone con batterie non rimovibili possa essere usata per tracciare individui anche quando il telefono è spento è valida e solleva questioni importanti riguardo alla privacy e alla sicurezza dei dati personali.

Da una parte, la capacità di tracciare un dispositivo può essere un vantaggio significativo in termini di sicurezza, come nel caso di furti o smarrimenti. Tuttavia, dall’altra parte, ci sono preoccupazioni legittime riguardo all’abuso di questa tecnologia, in particolare in relazione alla privacy degli utenti. Questo tema tocca questioni più ampie relative all’uso e al controllo dei dati personali da parte delle aziende tecnologiche e delle autorità governative.

È importante notare che la capacità di tracciare un dispositivo quando è spento dipende dalla tecnologia specifica implementata nel dispositivo e dalle politiche del produttore in materia di privacy. Alcuni dispositivi potrebbero mantenere funzionalità limitate, come il GPS, in uno stato di basso consumo energetico, anche quando sembrano spenti. Tuttavia, ciò non significa necessariamente che questi dispositivi stiano costantemente trasmettendo dati di localizzazione.

La regolamentazione in materia di privacy e protezione dei dati varia da paese a paese, influenzando come e quando i dati di localizzazione possono essere raccolti e utilizzati. In molti paesi, le leggi sulla privacy richiedono che gli utenti siano informati e diano il loro consenso per la raccolta e l’uso dei loro dati di localizzazione.

In conclusione, mentre esistono validi motivi tecnici e di sicurezza per l’adozione di batterie non rimovibili negli smartphone, è fondamentale che i produttori e i regolatori prestino attenzione alla gestione della privacy e alla sicurezza dei dati degli utenti in relazione alla tecnologia di geolocalizzazione. Gli utenti dovrebbero essere informati su come i loro dati vengono utilizzati e avere il controllo su tali informazioni, secondo le leggi sulla privacy vigenti nel loro paese.

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *