Menu Chiudi

Se possiedi un gettone telefonico con questo numero vendilo subito: vediamo quanto vale

Il gettone telefonico rappresenta un capitolo affascinante e significativo nella storia della comunicazione in Italia. Questi piccoli oggetti, che un tempo erano essenziali per effettuare chiamate dai telefoni pubblici, sono oggi ricercati da collezionisti e appassionati di storia tecnologica. La loro storia, che si estende per quasi un secolo, riflette l’evoluzione della società italiana e il progresso tecnologico. In questo contesto, alcuni gettoni telefonici si distinguono per il loro valore collezionistico, legato a particolari caratteristiche e numerazioni.

I gettoni telefonici hanno iniziato a circolare in Italia nella seconda metà degli anni ’20, diventando un simbolo tangibile del progresso e dell’accessibilità delle comunicazioni. La loro diffusione si è intensificata nel decennio successivo, soprattutto dopo la Seconda Guerra Mondiale, quando il bisogno di comunicare a distanza divenne sempre più pressante in ogni zona d’Italia.

Con la fondazione della SIP (Società Italiana per l’Esercizio Telefonico) nel 1964, si assistette a un’ulteriore standardizzazione dei gettoni. La SIP adottò un modello di gettone già in uso da alcuni anni, caratterizzato da tre scalanature (due su un lato e una sull’altro) e da un codice numerico di quattro cifre.

Se possiedi un gettone telefonico con questo numero vendilo subito: vediamo quanto vale

Gettone telefonico SIP
Gettone telefonico SIP © screen YouTube canale Gabrieur

Il Significato delle Cifre sui Gettoni Telefonici.

Queste quattro cifre non erano casuali: indicavano l’anno e il mese di produzione del gettone. Le prime due cifre rappresentavano l’anno, mentre le ultime due il mese. Questa codifica non solo aiutava a tracciare la produzione, ma oggi serve a determinare l’età e potenzialmente il valore di un gettone.

Rarità e Valore dei Gettoni Telefonici.

Non tutti i gettoni telefonici sono uguali in termini di rarità e valore. La produzione variava significativamente da uno stabilimento all’altro, rendendo alcuni gettoni più rari e quindi più preziosi per i collezionisti. Mentre la maggior parte dei gettoni si aggira intorno a poche decine di euro (sempre in condizioni ottimali di conservazione), ci sono eccezioni notevoli.

Il Gettone 71111R: Un Esemplare Prezioso.

Un esempio particolare è il gettone con la numerazione 71111R. Questo gettone, coniato alla fine del 1971 dalla IPM (Industria Politecnica Meridionale), è uno degli esemplari più pregiati. Il suo valore può variare tra i 10 e i 70 euro, a seconda delle condizioni. La presenza della lettera “R” è cruciale per identificarne l’autenticità e il valore.

Al contrario, un gettone con la numerazione 7111 ma senza la lettera “R” ha un valore massimo di circa 25 euro. Questa differenza sottolinea l’importanza di dettagli apparentemente minori nel mondo del collezionismo.

Condividi su 🠗

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *