Menu Chiudi

Quanto si può prelevare con il bancomat? Se prelevi questi contanti il fisco ti controlla

In realtà non esistono dei limiti relativi ai prelievi in contanti, ma ci sono dei paletti oltre i quali scattano accertamenti fiscali. Presso gli sportelli bancomat viene imposto un limite  di prelievo massimo giornaliero dalla propria banca, ma solo per una questione di liquidità. In realtà possiamo prelevare tutti i soldi che vogliamo, ma il ritiro di troppo contante potrebbe allertare il Fisco. Si tratta di un massimale oltre il quale si viene sospettati di riciclaggio di denaro, e quindi sottoposti a controlli, con un possibile blocco del conto corrente. Ma vediamo quanto si può prelevare con il bancomat.

Prelievo presso sportello bancomat
Foto pixabay.com

Qual è il limite di prelievo al bancomat

Ciascun istituto bancario pone degli importi massimi sia giornalieri che mensili per il prelievo di contanti presso gli sportelli automatici. In alternativa, se si intende prelevare più denaro, basta recarsi presso lo sportello fisico della vostra banca. Ma Per evitare il pericolo dell’evasione fiscale e il lavoro in nero, problemi molto diffusi in Italia, sono infatti previste delle soglie di prelievo di contanti, oltre le quali scatta il controllo dell’Agenzia delle Entrate.

I controlli sui prelievi di contanti sono più comuni nel caso delle aziende o partite iva. Solitamente quando si effettuano prelievi superiori ai 1.000 euro al giorno o ai 5.000 euro al mese scatta la cosiddetta “presunzione di evasione” (articolo 7 Quater del Decreto Fiscale n. 193/2016), quindi potrebbero scattare dei controlli.
Gli imprenditori sono i più controllati in quanto con il denaro contante potrebbero finanziare del lavoro in nero.

Non è detto però che a seguito di un controllo scatti un accertamento fiscale. Il comportamento del correntista viene monitorato nel tempo, se i prelievi si verificano sistematicamente e a cadenza regolare allora c’è da preoccuparsi. Capita a tutti una eventualità di dover necessariamente prelevare più contanti del previsto una tantum per qualche evenienza. E’ il prelievo sistematico ad allertare il fisco.

I privati invece hanno un il limite di prelievo, sia quello giornaliero, sia quello mensile, stabiliti dalla propria banca. Premesso che non si possono superare i 10.000 € mensili in prelievo di contanti nell’arco di un mese, non sono previsti altri divieti, ma potrebbero scattare dei controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Per verificare il tuo massimale, controlla i fogli informativi della tua carta di credito o di debito. Questi limiti possono essere più alti e possono essere rinegoziati, in particolare se hai un saldo sul conto corrente che ti permette di farlo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *