Menu Chiudi

Novità, bonus casalinghe INPS 2022: a chi spetta e come richiederlo

L’Istituto Nazionale della previdenza sociale INPS ha da poco  preso la decisione di concedere un assegno sociale alle casalinghe e alle vedove, denominato anche bonus casalinghe 2022. Vediamo di cosa si tratta.

Bonus casalinghe 2022
Bonus casalinghe 2022

A chi spetta e come richiedere il bonus casalinghe 2022

Per ottenere il bonus casalinghe 2022 è necessario essere in possesso di alcuni requisiti come ad esempio la soglia del reddito. Questa è stata fissata a 6.085,30 euro annui che diventano 12.170,60 nel caso in cui si fosse il regime matrimoniale. L’assegno concesso avrà un importo di 468,10 € sarà erogato per 13 mesi e offerto a tutte le donne in possesso dei requisiti a carattere reddituale richiesti.
Una volta presentata la domanda questa verrà esaminata. In caso di esito positivo il pagamento verrà effettuato nel mese successivo alla presentazione della stessa.

Richiedere l’assegno sociale per casalinghe vedove è molto semplice, basterà Infatti recarsi sul portale dell’INPS nell’apposita sezione dedicata oppure rivolgersi ai patronati o CAF abilitati per questo tipo di pratiche per ottenere assistenza.
La decisione di questo assegno ha come fine quello di incentivare le donne che intendono dedicarsi alla cura della casa e della famiglia. Purtroppo fino a poco tempo fa il lavoro della casalinga non era riconosciuto mentre ora verrà tutelato con un piccolo trattamento di natura economica. Questa possibilità è offerta a tutte le casalinghe disoccupate italiane o straniere in possesso di permesso di soggiorno.

Cos’è l’assegno di vedovanza

Oltre al bonus casalinghe l’INPS deciso di concedere l’assegno di vedovanza. Questo tipo di risorsa verrà offerta tutte le donne rimaste vedove dei senza lavoro, perché incapaci di prestare una mansione lavorativa. Per ottenere questo assegno bisogna essere vedove, percepire una pensione di reversibilità ed essere stati dichiarati inabili al lavoro. L’assegno di vedovanza viene concesso anche a chi affetta da un invalidità al 100% che non le permetta di prendersi cura di sé stessa in maniera autonoma. Anche in questo caso si tratta di un piccolo aiuto che potrebbe migliorare una situazione economica compromessa.

L’INPS, ovvero l’Istituto nazionale per la previdenza sociale, è un’istituzione previdenziale che si occupa di gestire molti aspetti della vita di un lavoratore. L’ente in questione gestisce il sistema pensionistico a cui ogni tipo di lavoratore deve essere iscritto, da quello pubblico a quello privato. La sua fondazione volta a tutelare i lavoratori dipendenti e autonomi, risale al 1895 sotto il governo di Crispi.

E’ grazie all’INPS che vengono emanate tutte quelle agevolazioni che possono migliorare la vita di un individuo. Tra queste troviamo la pensione di vecchiaia, di reversibilità e di invalidità. Ma anche moltissimi tipi di indennità, da quella di disoccupazione a quella di maternità. Ci si rivolge all’INPS anche per questioni di carattere assistenziale o per la richiesta di visite mediche che attestino le condizioni di salute del lavoratore. E voi eravate a conoscenza di queste importanti riforme promosse dall’INPS per l’anno 2022? sicuramente si tratta di un grande passo avanti per quanto riguarda il ruolo della donna nella società moderna.

Condividi su :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *