Menu Chiudi

Ministero della Salute: la nuova ordinanza che vieta attività ricreative, parchi, ville e giardini pubblici

coronavirus Ministero della Salute ordinanza jogging

Il Ministero della Salute ha emanato una nuova ordinanza per contrastare la diffusione del contagio di Covid-19. Questa prevede nuove restrizioni specie per coloro che in questi giorni di quarantena hanno pensato di svolgere attività ricreative all’aperto. Le misure prevedono anche restrizioni per gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande. Vediamo in dettaglio le misure imposte dall’ordinanza:

Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 sono adottàte, sull’intero
territorio nazionale, le ulteriori seguenti misure:

a) è vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici;

b) non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto; resta consentito svolgere
individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel
rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona;

c) sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all’interno delle
stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con
esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto
da consumarsi al di fuori dei locali; restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti,
con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un
metro;

d) nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o
seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale,
comprese le seconde case utilizzate per vacanza.

E’ infine specificato nell’ordinanza:
Le disposizioni della presente ordinanza producono effetto dalla data del 21 marzo 2020 e sono
efficaci fino al 25 marzo 2020.
Per leggere l’ordinanza completa CLICCA QUI.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *