Menu Chiudi

Il piano di Elon Musk per mettere 50mila satelliti 5G in tutta l’atmosfera terrestre

satelliti 5g starlink spacex

Le aziende e i governi hanno in programma di lanciare circa 50.000 satelliti per fornire servizi 5G e Wi-Fi ovunque sulla Terra. SpaceX di Elon Musk sta guidando questi sforzi con il suo previsto dispiegamento di 42.000 satelliti Starlink e il suo obiettivo di stabilire una rete globale.

Per fornire il servizio, SpaceX afferma di aver bisogno di un’infrastruttura di un milione di antenne a terra per collegare i suoi satelliti con l’utente terrestre. Nel marzo 2020, la Commissione Federale delle Comunicazioni (FCC) ha approvato l’applicazione dell’antenna di terra di SpaceX. I quasi 400 satelliti lanciati finora si stanno avvicinando al numero di soglia al quale SpaceX afferma di poter iniziare a fornire una copertura a 5G dallo spazio. Quest’anno SpaceX prevede di accelerare i suoi lanci di satelliti ad una media di 120 al mese (60 ogni due settimane).

Questi satelliti a bassa orbita non solo contaminano già i nostri cieli notturni e interferiscono con l’astronomia, ma promettono anche di inondare la Terra con potenti raggi elettromagnetici focalizzati che emettono radiazioni a radiofrequenza (RF) e microonde che, come è stato dimostrato, influiscono negativamente sulla salute di esseri umani, animali e piante.

I satelliti possono anche avere un impatto sul campo elettromagnetico naturale della Terra – essenziale per tutta la vita sul nostro pianeta – ma nessuna agenzia nazionale o internazionale ha intrapreso azioni per valutare, ridurre, prevenire o pubblicizzare l’impatto ambientale delle emissioni dei satelliti. Nel frattempo, si stanno già verificando effetti significativi.

La FCC (commissione federale per le comunicazioni) non ha mai valutato l’impatto delle emissioni di radiazioni di 50.000 satelliti o di qualsiasi altro effetto negativo ambientale esistente e potenziale.

La complicità della FCC (commissione federale per le comunicazioni USA)

Le società satellitari devono presentare le domande alla FCC perché i satelliti utilizzano le radiofrequenze che sono di competenza dell’agenzia. Come altre agenzie federali, la FCC è soggetta ai requisiti del National Environmental Policy Act (NEPA), istituito nel 1970, per sviluppare regole che le consentano di valutare gli effetti ambientali delle sue azioni.

Per adempiere alle responsabilità procedurali previste dal NEPA e alle disposizioni della legge sulle telecomunicazioni del 1996, la FCC, nel 1996, ha adottato standard di esposizione non obbligatori per le radiazioni wireless. Questi standard sono altamente difettosi perché riconoscono solo i danni termici ma non quelli non termici e ignorano i danni stabiliti dei segnali pulsati e modulati. Inoltre, non vi sono sanzioni per il superamento degli standard.

La FCC non ha mai valutato l’impatto delle emissioni di radiazioni di 50.000 satelliti o di qualsiasi altro effetto negativo ambientale esistente e potenziale. La ragione probabile è che la FCC interpreta i suoi obblighi come se richiedesse solo la valutazione delle attività e dei dispositivi terrestri a causa del linguaggio legale, specificando che si concentra su strutture definite come “palo, torre, stazione base o altro edificio” – senza alcuna menzione esplicita dei satelliti.

Di conseguenza, la FCC si è sentita libera di approvare (senza alcuna valutazione ambientale) quasi 12.000 satelliti SpaceX finora, e SpaceX ha presentato documenti alla FCC per altri 30.000. Dei 12.000, la società ha inizialmente proposto di collocare 4.425 in un orbita terrestre bassa (tra 715 e 823 miglia sopra la superficie del pianeta), ma successivamente ha modificato la sua posizione per collocarne circa un terzo in un’orbita inferiore di 342 miglia. Gli oltre 7.500 satelliti rimanenti hanno il permesso di andare in un orbita terrestre “molto bassa”, cioè ad altitudini appena superiori alle 200 miglia sopra la Terra.

Secondo SpaceX, questi satelliti in orbita ultra-bassa sono necessari per ridurre la latenza e aumentare la velocità di trasmissione nelle città congestionate, consentendo al tempo stesso all’azienda di estendere la copertura Wi-Fi a livello globale.

Come se le radiazioni di decine di migliaia di satelliti non fossero abbastanza preoccupanti, la licenza generale della FCC per un milione di trasmettitori terrestri permette ai servizi SpaceX  di installare terminali che utilizzeranno “una tecnologia avanzata di beamforming e di antenne orientabili” per collegare senza fili gli utenti finali (umani e macchine) a terra con i satelliti in orbita. Questi “dispositivi orientati al consumatore” potrebbero collocare i terminali che emettono radiazioni direttamente nelle case.

Elon Musk riassume l’installazione in due fasi dell’antenna:
Le costellazioni di satelliti Starlink operano nella porzione di spettro delle frequenze a microonde chiamata “banda ku” (11-17 GHz); le stazioni di terra trasmettono a 14-14,5 GHz mentre ricevono i segnali dai satelliti a 10,7-12,7 GHz. Questo è molto diverso dalle attuali reti LTE, che operano da 700 MHz a circa 6 GHz.

Il 5G è una corsa alloro

SpaceX può essere l’attore dominante, ma è ben lontano dall’unica azienda statunitense che ha in programma di spalmarsi “ogni centimetro del mondo” con le emissioni dei satelliti 5G a bassa orbita. Amazon – in cerca di un potenziale di quattro miliardi di nuovi clienti – ha in programma di lanciare un totale di 3.236 satelliti e promette di iniziare a fornire servizi Internet non appena un quinto di essi sarà installato. Anche Facebook sta pianificando migliaia di satelliti. Infine, la controllata di Google Loon ha iniziato a puntare sulle “comunità non servite e scarsamente servite” in America Latina per il servizio LTE fornito dalla sua rete di palloni aerostatici stratosferici che viaggiano “ai confini dello spazio”.

Uno dei principali attori non statunitensi che partecipano alla “corsa all’oro di Internet via satellite” è la società britannica OneWeb (sostenuta da SoftBank Group Corp.), che ha lanciato un primo lotto di sei satelliti 5G nel febbraio 2019, seguito da altri 34 satelliti nel febbraio 2020. Al momento del lancio di febbraio, OneWeb ha annunciato l’intenzione di continuare a lanciare da 30 a 36 satelliti al mese, con “servizi globali commerciali completi” entro il 2021, ben prima del totale di 5.260 satelliti di OneWeb. Tuttavia, un rapporto di Bloomberg del 19 marzo ha dichiarato che OneWeb potrebbe dichiarare fallimento “a causa dei costi elevati e della forte concorrenza”.

In Canada, i funzionari di Telesat affermano che i loro dispiegamenti di satelliti in orbita terrestre bassa “potrebbero alla fine arrivare a 512 veicoli spaziali”. Anche la Cina e la Russia hanno in programma lanci multipli.
I danni vanno ben oltre la razza umana, con crescenti prove di effetti nocivi sia per le piante che per gli animali.

Radiofrequenze nocive e radiazioni a microonde

Gli impatti dannosi dei livelli non termici della tecnologia wireless basata su RF e microonde (da 2G in su) non sono né “potenziali” né “ipotetici”. Migliaia di studi scientifici sottoposti a peer-reviewing hanno dimostrato che si stanno già verificando danni a livello epidemico.

Alcuni sostengono che le emissioni di energia che raggiungono il suolo dai satelliti 5G sono meno intense di quelle delle antenne trasmittenti terrestri, ma questo argomento ignora il fatto che i satelliti irradiano tutte le aree della Terra, comprese le aree non raggiunte da altri trasmettitori, non lasciando alcun luogo incontaminato dalle radiazioni nocive prodotte dall’uomo. Inoltre, i trasmettitori a terra di cui i satelliti 5G necessitano per collegare i satelliti con gli utenti finali provocheranno un aumento massiccio dell’intensità delle radiazioni RF/microonde.

Nel 2018, più di 200 scienziati e medici hanno citato la grande quantità di prove scientifiche sui danni di queste radiazioni quando hanno presentato l’Appello 5G alle Nazioni Unite, chiedendo una moratoria sul 5G. Nell’Appello, questi esperti hanno scritto che i campi elettromagnetici a radiofrequenza non solo hanno “dimostrato di essere dannosi per l’uomo e per l’ambiente”, ma che “lo stupore va ben oltre la razza umana”, con “crescenti prove di effetti nocivi sia per le piante che per gli animali”. Nel discutere il “grave pericolo per la salute pubblica” che le infrastrutture 5G su e fuori dal pianeta rappresentano, gli autori dell’Appello hanno sostenuto che “l’inazione è un costo per la società e non è più un’opzione”.

Il sistema elettromagnetico naturale della Terra

Oltre all’Appello 5G, un Appello internazionale per fermare il 5G sulla Terra e nello Spazio mette in guardia sul potenziale dei satelliti di interferire con il circuito elettrico globale. Al 29 marzo 2020, l’Appello ha raccolto le firme di 212.661 persone provenienti da 208 nazioni e territori di tutto il mondo. L’Appello avverte che se decine di migliaia di satelliti entreranno nell’orbita terrestre bassa e molto bassa, emetteranno raggi estremamente potenti e pulsanti di radiazioni artificiali RF e microonde nella ionosfera terrestre.

La ionosfera – una sorgente naturale di alta tensione sempre caricata ad una media di 300.000 volt – controlla il circuito elettrico globale (costante per tre miliardi di anni) che collega e vitalizza ogni essere vivente, sia esso un uccello, un animale, un albero o un essere umano. Tutta la vita dipende da questo circuito elettromagnetico per la sopravvivenza, eppure, in un colpo solo, i satelliti 5G hanno il potenziale per alterarlo “al di là della nostra capacità di adattamento”.

L’inquinamento luminoso prodotto dalle mega-costellazioni di satelliti rappresenta una minaccia esistenziale per l’astronomia, ponendo potenzialmente fine all’astronomia terrestre così come la conosciamo.

Danni devastanti al nostro cielo notturno e all’astronomia

I satelliti Starlink di Elon Musk stanno già causando danni. Come riportato da Forbes e da astronomi professionisti e dilettanti, l’inquinamento luminoso prodotto dalle mega-costellazioni di satelliti “rappresenta una minaccia esistenziale per l’astronomia”, potenzialmente ponendo fine all'”astronomia terrestre così come la conosciamo”. Musk afferma in modo fuorviante che i satelliti Starlink non avranno “alcun effetto materiale sulle scoperte in astronomia”, nonostante il fatto che i grandi e altamente riflettenti satelliti Starlink già in orbita lascino una scia di luce dannosa. Le emissioni anomale di luce riflessa dai satelliti non solo rovinano l’astronomia, ma interferiscono anche con la capacità degli uccelli migratori, delle foche, delle falene, delle rane e di altre creature di orientarsi e di navigare di notte utilizzando il cielo stellato.

Se i piani di SpaceX si materializzeranno, il numero dei suoi satelliti supererà di gran lunga le circa 9.000 stelle visibili a occhio nudo. Alla fine del 2019, i primi 122 satelliti Starlink erano già più luminosi della maggior parte delle 9.000 stelle, con solo 172 stelle più luminose dei satelliti di Musk. Il 10 gennaio 2020, gli astronomi preoccupati hanno lanciato il loro appello internazionale per “salvaguardare il cielo astronomico”, chiedendo di sospendere i lanci di Starlink e chiedendo ai governi di rispettare i trattati esistenti che affrontano i rischi ambientali, tra cui il Trattato sullo spazio extra-atmosferico del 1967 e le Linee guida delle Nazioni Unite per la sostenibilità a lungo termine delle attività spaziali esterne del 2018. Ad oggi, oltre 1.890 astronomi professionisti provenienti da 48 Paesi hanno firmato l’appello. Sebbene Musk e SpaceX affermino che lavoreranno per ridurre il potere riflettente dei satelliti e “ritoccheranno” l’orientamento dei satelliti per gli esperimenti astronomici, SpaceX non dovrebbe essere autorizzata a continuare a lanciare satelliti prima di aver affrontato questi gravi problemi.

di Dafna Tachover per wakingtimes.com

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *