Menu Chiudi

Il bicarbonato di sodio è davvero efficace contro la muffa? Pro e contro

Il bicarbonato di sodio è un prodotto naturale che molti utilizzano per combattere la muffa in modo efficace e sicuro. Vale la pena ricordare che la muffa può essere dannosa per la salute e può causare allergie, asma e altri problemi respiratori. Inoltre, può danneggiare i tessuti e le strutture della casa. Il bicarbonato di sodio è un rimedio economico e facile da usare che può aiutare a rimuovere la muffa in modo efficace ma per prevenirla potrebbero essere necessari ulteriori trattamenti. Vediamo tutti i dettagli di seguito.

Il bicarbonato di sodio funziona come un deodorante e un disinfettante naturale. Quando viene mescolato con acqua, crea una soluzione alcalina che può uccidere funghi e batteri, ma per uccidere definitivamente la muffa serve ben altro. Per quanto riguarda la rimozione delle fastidiose macchie scure sulle pareti invece questa sostanza rappresenta la migliore soluzione naturale al problema. Ma vediamo fin dove arriva l’efficacia del bicarbonato contro la muffa, come va applicato e quale trattamento aggiuntivo andrebbe fatto per uccidere definitivamente le spore.

I vantaggi del bicarbonato contro la muffa

Il bicarbonato di sodio è un prodotto naturale che può essere utilizzato per combattere e rimuovere le spore della muffa, un po’ meno per prevenirle. Essendo solo un detergente, rimuove solo le macchie visibili di muffa in modo molto efficace, ma non uccide tutti i funghi e batteri e non è in grado di eliminare il problema alla radice. Tuttavia, in casi di infestazioni di muffa estese, è consigliabile rivolgersi a un professionista per la pulizia, la rimozione ed eventuali interventi sull’edificio per prevenire al meglio il problema.

Il bicarbonato di sodio ha alcuni vantaggi nell’utilizzo per combattere la muffa in casa. Ecco alcuni:

  • Sicurezza: è un prodotto naturale e non tossico, quindi è sicuro per l’uso in casa. Può essere utilizzato senza preoccupazioni per la salute, in particolare per le persone che sono allergiche o sensibili ai prodotti chimici.
  • Efficacia: è molto efficace per rimuovere le macchie dalle pareti. Se mescolato con acqua e applicato sulle zone infestate, grazie alla granulosità del composto effettua una sorta di scrub in grado di rimuovere completamente le spore della muffa.
  • Economico: è molto economico e facilmente disponibile, e può essere utilizzato per pulire le macchie scure sulle pareti senza la necessità di spendere soldi per prodotti costosi.
  • Facile da usare: è semplice da utilizzare e può essere mescolato con acqua per creare una soluzione di pulizia efficace.
  • Versatilità: può essere utilizzato per pulire diverse superfici, compresi tessuti, muri e pavimenti.
  • Ecologico: è un prodotto ecologico, quindi se utilizzato per pulire, non inquina l’ambiente.

Come togliere la muffa con il bicarbonato di sodio

Trattamento antimuffa con bicarbonato di sodio
Trattamento antimuffa con bicarbonato di sodio © YouTube

Per rimuovere la muffa con il bicarbonato di sodio, si può seguire questo procedimento:

  1. Creare una soluzione di bicarbonato di sodio e acqua: in un recipiente, mescolare una tazza di bicarbonato di sodio con un po’d’acqua fino a ottenere una pasta omogenea non troppo densa.
  2. Applicare la soluzione: utilizzare una spugna o un panno in microfibra per applicare la soluzione di bicarbonato di sodio sulle zone contaminate dalla muffa. Assicurarsi di strofinare bene per rimuovere le macchie.
  3. Lasciare agire: lasciare la soluzione sulla zona contaminata per alcuni minuti in modo che il bicarbonato di sodio possa agire.
  4. Risciacquare: Risciacquare la zona con acqua pulita e asciugare bene con un panno pulito.
  5. Identificare e rimuovere la fonte del problema: è importante identificare e rimuovere il problema alla radice per evitare che si ripresenti. Cercare perdite d’acqua, condensa, e ventilazione scarsa, in modo da eliminare gli ambienti umidi che favoriscono la formazione delle macchie.

Inoltre, ci sono tre precauzioni molto importanti da prendere quando si effettuano trattamenti sulla muffa:

  1. Proteggersi: è importante proteggersi indossando guanti e una mascherina quando si pulisce la muffa. Questa può essere nociva per la salute e può causare allergie, asma e altri problemi respiratori.
  2. Proteggere gli oggetti vicini: coprire o rimuovere gli oggetti vicini per evitare di contaminarli durante la pulizia.
  3. Evitare di rimuovere le spore con un aspirapolvere o un ventilatore: ciò può diffonderle ulteriormente nell’aria.

Come accennato, trattare la parete solo con il bicarbonato non basta per uccidere definitivamente tutti i funghi e le spore. Anche se rimossa visivamente, la muffa lascia spore e funghi sulle pareti non visibili ad occhio nudo, pertanto è necessario l’utilizzo di un detergente antifungino. Il miglior detergente antifungino naturale in grado di uccidere batteri e funghi è l’aceto di vino bianco. Vediamo come utilizzarlo contro la muffa.

Come disinfettare la muffa con l’aceto bianco

L’aceto bianco è un ottimo disinfettante naturale ideale contro la muffa. La sua acidità elevata uccide i batteri e i funghi, pertanto dopo il trattamento a base di bicarbonato appena citato bisogna eseguire questi ulteriori passaggi:

  1. Mescolare l’aceto bianco puro con acqua in un rapporto 1:1 in un flacone spray.
  2. Spruzzare l’aceto e l’acqua direttamente sulle zone contaminate.
  3. Lasciare agire per almeno 30 minuti.
  4. Utilizzare un pano in microfibra per rimuovere le spore rimaste.
  5. Risciacquare con acqua pulita e asciugare bene.

In alternativa, nel video di seguito realizzato da Carlo Gaiano, vi propongo un ulteriore metodo del tutto naturale ed efficace per rimuovere la muffa e disinfettare le superfici con una sola applicazione. Buona visione.

Condividi su :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *