Menu Chiudi

Fuga di batteri da un laboratorio in Cina, oltre tremila ammalati infetti

cina fuga batterio brucellosi

Migliaia di persone nel nord-ovest della Cina sono risultate positive al test per una malattia batterica infettiva dopo una perdita da un impianto biofarmaceutico statale che produce vaccini per animali.

I funzionari sanitari di Lanzhou, una città di 2,9 milioni di abitanti, hanno dichiarato che 3.245 persone hanno contratto la brucellosi, una malattia spesso causata da uno stretto contatto con animali infetti o prodotti animali che può provocare febbre, dolori articolari e mal di testa.
Altre 1.401 persone sono risultate positive alla malattia dopo che le autorità hanno sottoposto a screening quasi 22.000 residenti. Non è stato segnalato alcun decesso.

I funzionari cinesi hanno rassicurato affermando che questa malattia non si trasmette da persona a persona.
La brucellosi, nota anche come febbre di Malta o febbre mediterranea, può causare sintomi quali mal di testa, dolori muscolari, febbre e affaticamento.
Alcuni segni e sintomi possono persistere per periodi di tempo più lunghi, mentre altri possono non sparire o non ripresentarsi mai più, come l’artrite o il gonfiore in alcuni organi, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC).

La trasmissione da persona a persona della brucellosi è “estremamente rara”, ha detto il CDC.
Le autorità cinesi hanno scoperto che un impianto biofarmaceutico aveva usato un disinfettante scaduto nella sua produzione di vaccini contro la brucellosi per animali tra luglio e agosto dello scorso anno – il che significa che il batterio non è stato eliminato completamente all’interno dei gas di scarico della fabbrica.

Come riporta il Daily Mail, il gas contaminato proveniente dalla China Animal Husbandry Lanzhou Biopharmaceutical Factory di Lanzhou ha formato aerosol contenenti i batteri che provocano la brucellosi. È stato poi trasportato dal vento al vicino Istituto di ricerca veterinaria di Lanzhou, infettando quasi 200 persone a dicembre dello scorso anno.

Più di 20 studenti e membri della facoltà dell’Università di Lanzhou, alcuni dei quali erano stati all’istituto, sono risultati positivi anche in seguito, secondo l’agenzia di stampa Xinhua. La commissione per la salute di Lanzhou ha detto venerdì che pecore, bovini e maiali sono stati più comunemente coinvolti nella diffusione del batterio.

La fabbrica  ha ottenuto la revoca della licenza di produzione del vaccino contro la brucellosi, hanno dichiarato le autorità di Lanzhou. Il risarcimento per i pazienti inizierà a partire da ottobre, secondo le autorità locali. La Commissione sanitaria di Lanzhou ha anche designato 11 ospedali pubblici per fornire ai pazienti infetti controlli gratuiti e regolari.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *