Menu Chiudi

Casa calda con poco riscaldamento: come risparmiare usando poco la caldaia

Vediamo alcuni consigli per risparmiare energia nei mesi invernali in modo da usare il meno possibile la caldaia e quindi l’impianto di riscaldamento. Si tratta di informazioni utili che si possono attuare sin da subito per migliorare l’efficienza della nostra abitazione nell’immagazzinare calore e disperderne il meno possibile.

Regolazione termosifone
Regolazione termosifone

Per risparmiare sulla bolletta, in questo periodo in cui il prezzo del gas è schizzato alle stelle, bisogna usare il meno possibile la caldaia. Per fare ciò bisogna apportare alcuni semplici accorgimenti che danno modo alla nostra abitazione di immagazzinare più calore possibile e disperderne il meno possibile all’esterno.
Le risorse da cui attingere sono essenzialmente tre:

sfruttare al meglio il calore dei raggi del sole diretti (durante il giorno);
migliorare l’efficienza della caldaia;
limitare al minimo le dispersioni del calore prodotto verso l’esterno.

Come sfruttare al meglio i raggi del sole

Il sole che nei mattini invernali entra dalle nostre finestre è una risorsa che bisogna sfruttare al meglio per risparmiare sulla bolletta del gas.
Coloro che possiedono dei pavimenti scuri all’interno della propria abitazione sono fortunati in quanto immagazzinano in casa più calore rispetto agli altri. Un pavimento scuro colpito direttamente dai raggi solari che entrano da una finestra o un balcone, assorbe più energia rispetto ad un pavimento chiaro. Tutti sappiamo che i colori scuri attirano maggiormente i raggi solari permettendo di immagazzinare calore.

Più energia solare verrà assorbita dal vostro pavimento scuro, tanta ne verrà liberata sotto forma di calore durante tutto il giorno. In un mattino soleggiato invernale, le case con pavimenti scuri si mantengono calde più a lungo, ritardando l’accensione della caldaia. Questo si traduce in un considerevole risparmio in bolletta.
E’ molto importante pero non ostacolare in alcun modo l’ingresso dei raggi solari in casa: tende chiuse, mobili in prossimità di finestre e balconi eccetera.

Un altro modo per sfruttare al meglio i raggi del sole riguarda l’istallazione di un impianto a pannelli solari, che permette di generare energia elettrica da utilizzare per far funzionare l’impianto di riscaldamento, ad esempio tramite l’istallazione di una caldaia a pompa di calore.

Come migliorare l’efficienza dell’impianto di riscaldamento e della caldaia

La prima cosa da fare, se si possiede un tradizionale impianto di riscaldamento a termosifoni, è tenerli il più possibile scoperti. Spostate tende, mobili, divani o altri oggetti davanti ai termosifoni quando l’impianto di riscaldamento è acceso. Il termosifone fa circolare l’aria calda, prende l’aria fredda dal basso, la scalda, e per principio della fisica l’aria divenuta calda sale verso l’alto, per questo è molto importante che non abbia ostacoli davanti a se.
Inoltre per migliorarne l’efficienza vanno tenuti sempre puliti, eliminando gli accumuli di sporco e polvere che si formano nelle canne verticali.

Un altro consiglio molto importante per non intaccare l’efficienza dei vostri termosifoni è quello di evitare di asciugare i panni utilizzando gli appositi stendini per radiatori. Non solo si compromette parzialmente la diffusione del calore in casa, ma si favorisce anche la formazione di una eccessiva umidità, che a sua volta favorisce la formazione di muffa sulle pareti.
Un ulteriore accorgimento sarebbe quello di non impostare una temperatura troppo elevata sul vostro termostato ambiente.
Una temperatura al di sopra dei 20°C attiverà più spesso il vostro impianto di riscaldamento con un conseguente salasso sulla bolletta.

Per la notte impostate una temperatura più bassa, ma non al di sotto dei 17°C in quanto una differenza superiore a 3°C tra temperatura diurna e notturna provoca un consumo eccessivo di energia.
Ultimo consiglio è quello di effettuare periodicamente la manutenzione della caldaia, tenendo sempre puliti la canna fumaria e i componenti interni. Una caldaia pulita faticherà di meno per scaldare l’acqua che circola nell’impianto di riscaldamento, con un conseguente risparmio in bolletta.

Questi ed altri consigli su limitare al minimo le dispersioni del calore prodotto verso l’esterno in un video molto esaustivo di Federico Balestrini mostrato di seguito. Buona visione.

Condividi su :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *