Menu Chiudi

Supermercati: è allarme scaffali vuoti in Italia, cosa succede

In alcuni supermercati italiani cominciano già a scarseggiare le merci, e c’è un concreto rischio che il problema si estenda in tutta Italia. Vediamo in dettaglio cosa sta succedendo.

Scaffali vuoti in supermercato

Supermercati a corto di provviste e scaffali semivuoti, questo è il problema che stanno fronteggiando alcune attività commerciali. C’è un rischio concreto che il problema si estenda a tutta la nazione. Il problema sta emergendo in quanto mancano in molti casi le condizioni necessarie per trasportare le merci. A causa del caro carburanti, molte aziende nel settore dei trasporti sono allo stremo. L’impatto che il caro carburanti sta avendo sulle loro attività è devastante.

Pensiamo ad un imprenditore del settore autotrasporti che deve rifornire decine e decine di camion di carburante, da circa un mese spende circa il 20% in più rispetto allo scorso anno. Se ad esempio i suoi camion gli costavano 1.000€ di gasolio al giorno, oggi ne costano 1.200, che sono ben 6.000€ al mese in più! Se l’impatto sulle tasche delle famiglie italiane del caro carburanti è stato devastante, sul mondo dei trasporti lo è ancor di più.

Supermercati a rischio scaffali vuoti: cosa sta succedendo

Per questo le aziende sono allo stremo e c’è il rischio concreto di scioperi e blocchi da parte di camion e tir che trasportano merci. In un recente articolo vi ho parlato delle prime proteste da parte di camionisti che hanno bloccato l’autostrada A1 nel tratto casertano. Ci sono aziende che rischiano di non poter andare avanti con prezzi così elevati, e per questo motivo sono a rischio fallimento. Ciò comporterebbe una carenza di trasportatori e di conseguenza di prodotti sugli scaffali di supermercati e discount.

Intanto gli scioperi, le proteste e i blocchi stradali da parte di camion e tir imperversano in più regioni d’Italia.  A lanciare l’allarme è Ivano Vacondio, presidente di Federalimentare, il quale ha dichiarato:
La conseguenza di questi blocchi potrebbe essere molto seria: se non si trova un accordo tra i trasportatori e il governo, il pericolo è che la materia prima non arrivi più alle aziende alimentari che devono lavorarla e che, quindi, torni la paura degli scaffali vuoti nei supermercati. È necessario che i blocchi lascino passare chi trasporta i prodotti alimentari deperibili e indispensabili per alimentare le famiglie”.

Insomma la situazione è grave e occorre un intervento immediato da parte del governo Draghi.

Condividi su :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *