Menu Chiudi

Google tiene traccia della tua posizione e la condivide con la polizia, anche quando il telefono è spento

Google tiene traccia della tua posizione e la condivide con la polizia

Negli ultimi due decenni, l’uso del cellulare è diventato parte della vita di tutti i giorni per la stragrande maggioranza delle persone in tutto il pianeta. Quasi senza dubbio, i consumatori hanno scelto di portare con sé questi dispositivi sempre più intelligenti ovunque. L’utente medio di smartphone continua a trasportare i dispositivi con poca o nessuna sicurezza o protezione dalle invasioni della privacy.

Secondo il Times , le forze dell’ordine hanno utilizzato una tecnica segreta per capire la posizione degli utenti Android. La tecnica prevede la raccolta di dati dettagliati sulla posizione raccolti da Google da telefoni Android, iPhone e iPad su cui sono installate Google Maps e altre app Google.
I dati sulla posizione sono archiviati all’interno di un database Google noto come Sensorvault, che contiene record dettagliati sulla posizione di centinaia di milioni di dispositivi provenienti da tutto il mondo. Secondo quanto riferito, i record contengono dati sulla posizione risalenti al 2009. I dati vengono raccolti indipendentemente dal fatto che gli utenti effettuino chiamate o utilizzino app.

La Electronic Frontier Foundation (EFF) afferma che la polizia negli USA sta utilizzando un unico mandato – a volte noto come “mandato di geo-recinzione” per accedere ai dati di localizzazione da dispositivi collegati a persone che non hanno alcuna connessione con attività criminali e non hanno fornito alcun ragionevole sospetto di un crimine. Jennifer Lynch, direttore del contenzioso di sorveglianza di EFF, afferma che queste ricerche sono problematiche per diversi motivi.

“In primo luogo, a differenza di altri metodi di indagine utilizzati dalla polizia, la polizia non inizia con un sospetto reale o addirittura con un dispositivo bersaglio, ma controlla una miriade di dispositivi che erano nell’ area del crimine, anche indietro nel tempo, per identificare un sospetto “, ha scritto Lynch  “. Ricerche come queste hanno molte più probabilità di implicare persone innocenti che si trovano nel posto sbagliato nel momento sbagliato. Ogni proprietario di un dispositivo nell’area durante il periodo in questione diventa sospetto, per nessun altro motivo se non quello di possedere un dispositivo che condivide le informazioni sulla posizione con Google . ”

Google ha risposto al rapporto del Times affermando che gli utenti optano per la raccolta dei dati sulla posizione memorizzati in Sensorvault. Un rappresentante di Google ha anche detto che gli utenti “possono eliminare i dati della loro cronologia delle posizioni o spegnere completamente il prodotto, in qualsiasi momento “. Sfortunatamente, questa spiegazione non è chiara se si considera che i dispositivi Android registrano i dati di posizione per impostazione predefinita e che è notoriamente difficile rinunciare alla raccolta dei dati .

Indipendentemente dalle promesse fatte da Google, i lettori dovrebbero ricordare che nel 2010, il Washington Post ha pubblicato una storia incentrata sulla crescita della sorveglianza da parte della National Security Agency. Quel rapporto descriveva in dettaglio una tecnica NSA che ” consentiva all’agenzia di trovare telefoni cellulari anche quando erano spenti “. Secondo quanto riferito, la tecnica è stata utilizzata per la prima volta in Iraq per perseguire obiettivi terroristici. Inoltre, nel 2016 è stato riferito che una tecnica nota come “bug errante” ha permesso agli agenti dell’FBI di intercettare conversazioni avvenute vicino ai telefoni cellulari.

Questi strumenti sono ora indubbiamente utilizzati non solo sugli americani. La realtà è che questi strumenti – e molti, molti altri che sono stati rivelati – vengono utilizzati per spiare persone innocenti, non solo criminali o sospetti violenti. L’unico modo per respingere questa sorveglianza invasiva è smettere di supportare le aziende responsabili delle tecniche e della condivisione dei dati. Coloro che apprezzano la privacy dovrebbero investire tempo nell’apprendimento della protezione dei dati e dei dispositivi digitali. La privacy sta rapidamente diventando una reliquia di un’era passata e l’unico modo per fermare la violazione è sensibilizzare, rinunciare a società che non rispettano la privacy e proteggere i tuoi dati.

Fonte: https://themindunleashed.com/2019/04/google-tracks-your-location-police-phone-off.html

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *