Menu Chiudi

Il 1°maggio in Venezuela Maduro decreta l’aumento del 30%di salari e pensioni.E gli Usa si oppongono

Venezuela Maduro aumento salari pensioni

1°maggio:mentre in Italia si festeggiava la festa del non lavoro in Venezuela il presidente Maduro decretava l’aumento di salari e pensioni del 30%per tutti.E come al solito gli Usa si oppongono …

Con l’aumento del 30% al salario minimo decretato venerdì 1 maggio dal Presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, la variazione di tale indice si attesta al 52% rispetto al dato registrato all’inizio di quest’anno.

[banner]Bisogna ricordare che il salario minimo è stato incrementato del 15% nello scorso mese di novembre, aumento entrato in vigore a dicembre, che ha portato i salari a quota 4.889,11 bolívares. Successivamente, nel mese di febbraio, si è stabilito un ulteriore aumento del 20%.

Dopo l’annuncio del presidente, il salario minimo mensile ricevuto dai lavoratori sarà di 7.421,6 bolívares, il che significa un aumento del 52% in appena un semestre.

L’incremento, come annunciato da Maduro, sarà scaglionato in due tranches: il 20% a partire dal 1 di maggio, e il restante 10% nel mese di luglio. Vale a dire, un salario di 6.746,97 bolívares a maggio, mentre nel mese di luglio la cifra sarà di 7.421,6 bolívares. A questi aumenti deve essere aggiunta la quota riguardante i buoni alimentari, che oscilla tra i 2.300 e i 3.375 bolívares.

La difesa della classe lavoratrice da parte del governo bolivariano, guidato da Nicolás Maduro, si traduce in cifre concrete.

Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

 

Ma come al solito gli Usa si oppogono a tutto ciò,infatti come riferito da IL MANIFESTO ,gli states sostengono che Maduro abbia scelto una brutta strada da percorrere:

<<Il Segre­ta­rio di stato, John Kerry – che in pre­ce­denza ha minac­ciato di “tor­cere il brac­cio” al governo vene­zue­lano — ha rico­min­ciato la lita­nia: Cara­cas “con­ti­nua a muo­versi nella dire­zione sba­gliata” — ha detto – e ha pro­messo di imporre nuove san­zioni. Quindi, ha inti­mato a Maduro di “libe­rare i pri­gio­nieri poli­tici, incluso le decine di studenti”. Per mar­care ulte­rior­mente la posi­zione, il 14 mag­gio Washing­ton con­se­gnerà un pre­mio al lea­der della destra vene­zue­lana, Leo­poldo Lopez, in car­cere con l’accusa di aver diretto le pro­te­ste vio­lente con­tro il governo l’anno scorso (43 morti e oltre 800 feriti). Un insulto “ai fami­gliari delle 43 vit­time”, ha ribat­tuto da Cara­cas il pre­si­dente dell’Assemblea, Dio­sdado Cabello: “Gli Stati uniti – ha detto – si pre­oc­cu­pano di pre­miare i respon­sa­bili di atti ter­ro­ri­stici del feb­braio 2014 e non delle vio­lente repres­sioni con­tro le comu­nità afro­di­scen­tenti”.  Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

Oggi, in Vene­zuela i salari aumen­tano e la disoc­cu­pa­zione dimi­nui­sce e il governo dedica oltre il 60% agli inve­sti­menti sociali. In pochi anni, sono state costruite  in tutto il paese 700.000 case popo­lari per chi ne ha biso­gno, com­ple­ta­mente arre­date. L’obiettivo è di arri­vare ai 3 milioni entro il 2019.

Nello stato del Delta Ama­curo, dove le popo­la­zioni indi­gene si spo­stano ancora sulle canoe e vivono sul fiume, si stanno costruendo case popo­lari su pala­fitte, per man­te­nere l’architettura ori­gi­na­ria. 

“I lavo­ra­tori devono pren­dere in mano le leve pro­dut­tive del paese”, ha detto Maduro durante il Primo mag­gio “antim­pe­ria­li­sta” che si è svolto in Vene­zuela. Negli ultimi 16 anni, il governo ha decre­tato 28 aumenti del sala­rio minimo, estesi anche ai pen­sio­nati: 29 a par­tire dal Primo mag­gio di quest’anno, per­ché è entrato in vigore un ulte­riore aumento del 30%. Il primo 20 %, è già ope­ra­tivo, l’altro 10% verrà appli­cato a par­tire dal 1 di luglio.

Un esem­pio ora ripreso anche dalla Boli­via, dove il pre­si­dente Evo Mora­les ha a sua volta annun­ciato un aumento del sala­rio minimo.>>

Tradotto da :castigliano per ALBAinformazione di Fabrizio Verde

Riferimento : http://ilmanifesto.info/maduro-aumenta-salario-e-pensioni-gli-usa-una-brutta-strada/

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *