Menu Chiudi

Unione bancaria, risparmi degli italiani a rischio per ripianare le perdite tedesche

unione bancaria risparmi a richio

“Risparmi italiani”, un argomento che tocca fortemente gli italiani essendo da anni i massimi risparmiatori, una vocazione che ora si rischia di perdere con una riforma bancaria che, come spiega bene Marco Santero per Scenari Economici, “non deve passare perché è solo l’ennesima trappola per spolparci, in questo caso del risparmio italiano, per ripianare le mostruose perdite tedesche in derivati”.
Vista l’estrema chiarezza di questa sintesi – prremette Santero -, che non saprei far meglio, ve la giro con molto piacere.

La Germania ha fortemente “A CUORE” l’Unione Bancaria, causalmente ora che sono le banche tedesche più importanti a essere sull’orlo del baratro per la mega – ESPOSIZIONE in derivati.
Dopo la fregatura paurosa che ci hanno dato con la crisi Greca con EMS: non eravamo esposti con la Grecia (solo 4 miliardi di euro) e nonostante questo abbiamo contribuito con 50.000.000.000 di euro, in piena crisi economica! per salvare non la Grecia, ma le banche Francesi e Tedesche. E creando un esposizione verso la Grecia del “sistema Italia” per oltre 40.000.000.000 di euro, mentre la Francia che era esposta per 70.000.000.000 si è ritrovata con esposizione 0,00 euro!!!

Dementi o governati da VICERE’ FRANCO TEDESCHI? Visti i curriculum dei protagonisti propendo per la seconda e quindi risiamo nell’ipotesi dell’art. 264 del codice penale che ho già menzionato il 18 novembre scorso nell’articolo “gemello” ALLARME ROSSO ITALIA: I tedeschi ci vogliono far credere che i rischi per le banche sono i NPL (sofferenze bancarie nel credito) e nell’eccessiva detenzione di titoli di stato, MICA LA MONTAGNA DI DERIVATI TOSSICI CHE STANNO STRITOLANDO LE BANCHE TEDESCHE!!

Ma ci prendono proprio per dementi cui si può sfilare tutto come rubare le caramelle ai bambini, questi tedeschi credono proprio che siamo minderwertige Rasse (razza inferiore sub umana) mentre loro si credono überlegene Rasse (razza superiore destinata a dominare il mondo).

Vergognoso è inoltre il fatto che in Germania una Banca Pubblica (secondo loro e la nuova commissione neanche ancora in carica dice di essere concorde) può essere salvata con soldi pubblici, senza violare le norme europee, MENTRE LE NOSTRE BANCHE IN CRISI (Etruria e c.) CHE ERANO PRIVATE E CHE SAREBBERO STATE SALVATE CON SOLDI PRIVATI (del fondo interbancario) CI E’ STATO NEGATO DICENDO CHE ERANO “AIUTI DI STATO”.
I danni enormi per risparmiatori e per la fiducia nella tutela del risparmio (PUNTO CHIAVE CHE REGGE L’INTERO SISTEMA) li abbiamo già visti e subiti e replicati con le banche venete.

La Commissione U.E. è una diretta emanazione dei potentati USUROCRATICI tedeschi e francesi che con sistemi Usurocratici vogliono ridurre tutto il Sud Europa a una colonia totalmente sottomessa.
E la cosa gravissima è che la nuova Commissione Europea ha avuto il via libera (almeno iniziale perché ora non riescono a nominare gli ultimi commissari europei, volano coltelli fra i paesi europei e sarebbe un grande successo che si dovesse cercare un nuovo Presidente di Commissione Europea e nuovi Commissari) con l’elezione a Presidente della Commissione di una pupilla della Merkel , con i voti determinanti del movimento 5 stelle (chiamarlo ancora movimento è un offesa all’intelligenza, è una creatura maligna creata ad arte proprio da quei potentati che fingeva di combattere, sveglia Paragone!) che ha quindi dimostrato di essere totalmente asservito ai potentati usurocratici di Aquisgrana (franco-tedeschi)!

La riforma bancaria non deve passare perché è solo l’ennesima trappola per spolparci, in questo caso del risparmio italiano, per ripianare le mostruose perdite tedesche in derivati.
RICORDATE LA PARABOLA DELLA PAGLIUZZA EVIDENZIATA, MENTRE VIENE NASCOSTA LA TRAVE? SIAMO PROPRIO LI’ E SE SI ABBOCCA SIAMO DEL GATTO, ANZI, ANCOR PEGGIO, DELL’AVVOCATO COME NELLA DIVERTENTE BATTUTA: “MEGLIO IL TOPO IN BOCCA AL GATTO, CHE IL CLIENTE IN MANO ALL’AVVOCATO”!

Tratto da: imolaoggi.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *