Menu Chiudi

UCRAINA: Merkel e Obama con il silenzio ammazzano centinaia di Civili. LE IMMAGINI SHOCK

Ucraina

[banner]Quelle che vi mostriamo nell’articolo sono immagini davvero molto forti…Raccapriccianti che ci mettono tristezza e amarezza nel cuore…I capi delle Nazioni non fanno altro che perpetuare il silenzio alzando sempre più la barriera di ipocrisia tra potere e popolo…In Ucraina la situazione è sempre più complicata ma la complicità dei media lascia il tempo che trova e il silenzio e sempre più assordante…

Nessuno ci fa vedere queste immagini forti…Nessuno ci mostra la verità ma solo finzione della finzione! Per evitare di disturbare la vostra sensibilità abbiamo scelto solo le immagini meno forti e soprattutto non abbiamo inserito un video, il quale era talmente scioccante che vi avrebbe davvero turbato. Noi nel vederlo abbiamo potuto solamente constatare che non era davvero il caso di mostrarlo…

Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

ucraina... guerra mai dichiarata Ucraini: Morti Civili

 Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

INTANTO, IN TUTTA QUESTA ORRENDA STORIA: Nessuno dice che i “separatisti” sono da indentificarsi in cittadini disperati costretti a difendere le proprie case dall’ aggressione dell’esercito che in realtà è composto prevalentemente da neonazisti, estremisti, mercenari provenienti da paesi stranieri che con sadismo, grazie alla tacita complicità di tutto il mondo stanno mettendo a ferro e fuoco un intero paese nel cuore dell’Europa.
Ormai “i nazisti assoldati da una banda di politici assassini di Kiev” semina terrore e morte per le strade. Alle scorse votazioni, la gente non ha votato perché non solo non riconosce negli attuali “politici” dei leader o dei validi rappresentanti del potere, perchè avevano il timore e la paura di ritrovarsi ad essere governati dal nemico…

vI SEMBRA CIVITA’ QUESTA?? A noi no…purtroppo ha tutte le sembianze di una guerra mai annunciata….

Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

FONTE: Nikolai Lilin

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *