Menu Chiudi

La truffa dei finti carabinieri.L’appello del Colonnello”Non cascateci e chiamate il 112″.IL VIDEO

truffa dei finti carabinieri

E’ assurdo cosa sono arrivati ad inventarsi i truffatori per mietere altre vittime soprattutto tra gli anziani. La truffa dei finti carabinieri è in atto in Italia e sempre più persone ci cascano.

Truffare una persona nascondendosi dietro una finta divisa, e fingendo di rappresentare la nostra nazione, in qualità di tutore della legge, è un gesto deplorevole che dovrebbe essere punito severamente in quanto non rappresenta solo un furto, ma anche un abuso dell’ immagine delle istituzioni.

Da finti elettricisti a finti carabinieri, questo è il “salto di qualità” fatto ultimamente da molti truffatori per cercare di entrare nelle nostre case e rubare tutto il possibile.

I criminali, a vario titolo, si presentano nelle abitazioni, soprattutto di persone anziane, qualificandosi come carabinieri, addirittura in divisa, che svolgono controlli di varia natura, oppure per comunicare finti arresti di figli o parenti.

[banner]Spesso dichiarano di dover prendere visione di banconote per presunti controlli riguardanti lo spaccio di monete false, o sostengono che devono riferire ai malcapitati comunicazioni riguardanti loro parenti, oppure fingono addirittura l’arresto di un parente delle vittime con l’obiettivo di estorcere loro denaro che servirebbe per l’avvocato che dovrebbe far scarcerare la persona in stato di fermo.
Insomma se le inventano tutte, e con una divisa addosso sono facilmente credibili specie se le vittime sono anziani indifesi.

Si fanno così consegnare somme di denaro in contanti, oppure, approfittando di un momento di distrazione delle vittime, rubano effetti di vario genere.

Le procedure descritte non sono assolutamente quelle utilizzate dall’Arma e si invitano perciò i cittadini, in presenza di questi comportamenti, a non far entrare in casa nessuno, segnalando i sospetti al numero d’emergenza 112.

Ecco di seguito l’appello del Colonnello dei carabinieri Pietro Oresta.
Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *