Menu Chiudi

Hai problemi di tiroide? Ecco l’esercizio tibetano per stimolarla ed attivarla favorendo la perdita di peso

Spesso l’obesità dipende dal mal funzionamento della tiroide,ma anche l’essere troppo magri può dipendere da essa.Ecco l’esercizio tibetano per riattivarla.

tiroide esercizio tibetano

Non sempre l’obesità dipende da una eccessiva e cattiva alimentazione, e non sempre l’essere troppo magri dipende da una scarsa alimentazione, a volte è la tiroide, più precisamente la ghiandola tiroidea è la causa di tutto. Se questa ghiandola non funziona infatti si ha una rapido aumento o perdita del peso, e non sempre bastano diete o bombe vitaminiche per risolvere il problema, bisogna riattivarla. Vi proponiamo di seguito un antico esercizio tibetano che potrebbe risolvere il problema nel modo più naturale possibile.

Questo famoso esercizio tibetano è davvero efficace per attivare e stimolare la tiroide. Toccando la tiroide seguendo le istruzioni di questo esercizio, potremo aumentare il flusso sanguigno verso la ghiandola tiroidea, purificandola ed attivando quindi la perdita di peso. Segui le istruzioni seguenti su come applicare questo efficace esercizio:

  1. Strofina bene le mani per riscaldale, poi poggiale sulla tiroide per almeno 10 secondi.
  2. Ingoia saliva per 3 volte. Se hai la bocca secca, prova a bere 3 piccoli sorsi d’acqua.
  3. Esala lentamente, inclinando la testa in avanti cercando di spingere il mento verso il petto. Mantieni questa posizione per 5 secondi, senza respirare.
  4. Ripeti l’ultimo movimento, spingendo il mento verso il petto. Una volta raggiunto il petto, girare lentamente la testa a destra e a sinistra.
  5. Ripeti tutti i movimenti fatti fin’ora, cercando di muovere la testa lentamente, rilassandoti.

Puoi effettuare questo esercizio stando seduto o in piedi. Fallo spesso per migliorare la salute generale della ghiandola tiroidea, ed attivare la perdita di peso.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *