Menu Chiudi

La Svizzera Tuona: "Prima i nostri". Alle elezione vince il NO all'immigrazione con l'Ultra Destra.Leggi

Elezioni in Svizzera Una vittoria davvero eclatante quella che ha visto trionfante il partito Plr alle elezioni tenutesi in Svizzera il 18 Ottobre. Una vittoria schiacciante che ha permesso di ampliare le forze ed il potere a questo partito che già era risultato trionfante alle precedenti elezioni. Voi vi chiedere, cosa c’è di strano adesso? [banner]Be…tanto per iniziare, per farvi capire di che pasta è fatto questo partito, possiamo dirvi che è l’equivalente della Lega Nord, stesse ideologie patriottiche e anti immigrazione, stesse posizioni critiche nei confronti di un sistema Europa-Centrista. Quello che maggiormente lascia stupiti è il risultato ottenuto: 65 seggi su 200, un record davvero memorabile per il partito della destra radicale che supera se stesso arrivando al 29%, occupando ben undici seggi in più rispetto alle elezioni precedente che si sono tenute nel 2011. Lo slogan del partito non lascia campo ad equivoci di nessun tipo: 1. Restiamo liberi. 2  Prima i nostri. 3  Limitazioni drastiche all’immigrazione di massa. 4  Espulsione per i “criminali stranieri. 5  Restrizione delle regole per il riconoscimento del diritto d’asilo. Gli stessi temi che oggi più che mai, sono vivi e fervidi all’ interno del nostro paese. Ma restano nascosti dietro le chiacchiere inutili. Ideali che, seppur drastici ed estremi, permetterebbero all’ Italia di poter occuparsi un può più dei problemi interni del paese, senza la preoccupazione di risolvere faccende che riguardano anche altri Stati, i quali però, se ne lavano sempre più le mani lasciandoci la “patata bollente”. Dovrebbero prendersi carico di problemi che interessano tutta l’Europa e non solo L’Italia, perchè solo in questo modo ognuno farebbe quel che è necessario per essere tutti sullo stesso piano ed avere gli stessi diritti e doveri in una Grande Europa Unita, che invece sembra più divisa che mai! Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

]]>

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *