Menu Chiudi

In Svezia il riciclo è così efficiente che hanno finito i rifiuti…Ecco il loro segreto. IL VIDEO

svezia riciclo efficiente di rifiuti

Dal 2011 a questa parte solo l’1% degli scarti prodotti dalle famiglie svedesi è finito nelle discariche. Merito di un riciclo talmente efficiente da eliminare quasi del tutto i rifiuti.

Ma in Italia non si fa la differenziata per raggiungere questo obiettivo? Come mai nonostante ricicliamo siamo sommersi dai rifiuti?

Bisognerebbe forse prendere esempio dalla Svezia, che in termini di riduzione di impatto ambientale è la padrona indiscussa.
Ciò è dimostrato dal fatto che dal 2011, solo l’1% dei rifiuti prodotti dalle famiglie svedesi finisce nelle discariche, mentre il restante sul 99% viene effettuato un riciclo efficiente, pulito e utile al paese.

Da anni la Svezia ha avviato campagne e campagne di sensibilizzazione nel prendersi cura dell’ ambiente, nell’ insegnare al suo popolo come produrre meno rifiuti possibili cercando di riciclare, riutilizzare al meglio i propri rifiuti per i propri bisogni.

È stata anche lanciata una campagna nazionale per fare capire alle persone quanto possano essere maggiori i benefici riparando, riutilizzando e condividendo gli oggetti di cui sono già in possesso, invece di gettarli nella spazzatura.
Il risultato è che ogni anno lo svedese medio produce circa 46 kg di rifiuti, una cifra che risulta molto al di sotto della media europea.

Questi 46 kg di rifiuti vengono smistati in centri di raccolta per separare i materiali da riciclare, oppure in macchinette presenti fuori dai locali commerciali dove gli svedesi possono inserire bottiglie di plastica e lattine utilizzate in cambio di buoni sconto e in molti casi anche di denaro. Un metodo che incentiva ancora di più le persone ad effettuare personalmente un riciclo efficiente e pulito. Come dimostrato nel video seguente
Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook


I rifiuti che non si possono riciclare vengono portati nei termovalorizzatori, che costituiscono la prima fonte energetica per gli svedesi.

Infatti quasi tutta l’energia di cui ha bisogno il paese per andare avanti è prodotta grazie ai rifiuti e il sistema è talmente efficiente che da qualche anno sono dovuti ricorrere all’acquisto di rifiuti dall’ estero (Italia compresa)  per poter soddisfare i propri bisogni energetici.

Il sistema di raccolta dei rifiuti non riciclabili sviluppato nella nazione nordica si fonda su aziende private che importano e inceneriscono i rifiuti per ottenere l’energia che viene gestita dal distributore pubblico.
In tutta la Svezia, l’energia prodotta tramite termovalorizzazione rifornisce circa 950 mila abitazioni con il riscaldamento e 260 mila con l’elettricità. L’insieme di riciclaggio e termovalorizzazione ha aiutato la Svezia a ridurre al minimo i rifiuti da avviare in discarica.

Ovviamente il fatto che la Svezia punti sugli inceneritori per liberarsi dei rifiuti non riciclabili accende numerose polemiche, soprattutto poiché si teme che i termovalorizzatori possano inquinare e generare sostanze nocive per la salute e per l’ambiente. Pare però che la Svezia per i propri termovalorizzatori abbia adottato dei processi a basse emissioni.

La Swedish Environmental Protection Agency ha ricordato che i progressi tecnologici hanno già consentito di ridurre al minimo le emissioni di diossina nell’aria. Grazie ad ulteriori passi in avanti sarà dunque possibile garantire uno smaltimento pulito e sicuro dei rifiuti.

Riferimenti: http://www.curioctopus.it/read/11270/in-svezia-il-riciclo-e-cosi-efficiente-che…-hanno-finito-i-rifiuti

http://www.greenbiz.it/rifiuti/11499-svezia-record-ricicl

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *