Menu Chiudi

Si arrampica ogni giorno alla finestra della madre ricoverata per covid, fino alla morte

si arrampica finestra ospedale madre malata di covid

Addio finale! L’uomo si arrampica sul muro per vedere la madre attraverso la finestra prima che muoia di Covid-19.
Il trentenne di nome Jihad Al-Suwaiti non aveva altra scelta se non quella di salutare la madre arrampicandosi sulla finestra del reparto di terapia intensiva dell’ospedale statale di Hebron.

In un quadro straziante che vi strapperà il cuore, un palestinese viene visto scalare il muro di un ospedale per salutare sua madre attraverso la finestra prima che muoia di coronavirus.
Secondo quanto riferito, il trentenne di nome Jihad Al-Suwaiti, un giovane palestinese della città di Beit Awa in Cisgiordania, non aveva altra scelta se non quella di salutare la madre arrampicandosi sulla finestra del reparto di terapia intensiva dell’ospedale statale di Hebron, dove è stata portata per il COVID-19.

Sua madre Rasmi Suwaiti, era in cura per la leucemia e Covid-19 da quasi 5 giorni prima morire il 16 luglio scorso, poco dopo l’inaspettata visita del figlio.
L’immagine, ormai diventata virale, è stata condivisa su Twitter da Mohamad Safa, un attivista umano e rappresentante delle Nazioni Unite. L’ha intitolata: “Il figlio di una donna palestinese infetta da COVID-19 è salito nella sua stanza d’ospedale per sedersi e vedere sua madre tutte le sere fino alla sua morte”.

 


Jihad è il fratello minore più piccolo ed era davvero affezionato a sua madre, soprattutto dopo la morte di nostro padre 15 anni fa. Nostra madre aveva la leucemia e le è stato diagnosticato il COVID-19 qualche settimana fa“, riferisce il fratello maggiore a india.com.

L’immagine ha fatto il giro del web e spezzato il cuore di molti, tra i vari commenti: “Deve essere stata una madre meravigliosa per aver cresciuto un figlio così devoto“; “Che figlio meraviglioso”. Mi ha portato le lacrime agli occhi e un nodulo alla gola per un tale amore e cura“, ha scritto un’altra persona.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *