Menu Chiudi

Malato,amava sua moglie e sua figlia,ma sapeva di dover morire.Ha trovato il modo per esserci sempre….

Mitchell Whisenhunt muore lettere figlia moglie esserci

A soli 26 anni,malato,sapeva di dover morire.Amava sua moglie e sua figlia,allora ha trovato un modo geniale per esserci anche quando non ci sarebbe stato più.

Il suo nome è Mitchell Whisenhunt,ed ha combattuto una lunga battaglia contro la sindrome di Marfan, una rara malattia genetica. Amava tantissimo sua moglie e sua figlia, ma purtroppo sapeva che tale malattia lo avrebbe portato alla morte molto rapidamente, sapeva persino quanto più o meno sarebbe durata la sua vita.
[banner]Sapeva che sua moglie Ashley era condannata ad una vita senza compagno, e sua figlia Brynleigh ad una senza padre, così ha preso una decisione: avrebbe fatto in modo di esserci anche quando non ci sarebbe stato. Ha lasciato in eredità alle due donne un qualcosa che non le avrebbe mai fatte sentire sole.

Ha scritto segretamente decine lettere come regalo per i futuri compleanni della figlia, da aprire anno per anno, fino al 18esimo anno di età,per far sentire la presenza che un padre da alla figlia fino al raggiungimento della maggiore età .

Oltre ai messaggi per la bambina, Mitchell ha lasciato anche altre buste, una trentina in tutto, da aprire in occasioni importanti per la sua famiglia e in particolare per sua moglie, come gli anniversari di matrimonio, il natale, e per altre ricorrenze speciali.

«Quando troverete queste lettere, sarò gia morto», recita la prima delle missive. La moglie commossa ha detto che aspetterà occasione per occasione per leggere le parole del marito e per farle leggere alla figlia: «mi piacerebbe solo che lui fosse qui a leggere queste lettere con noi».Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

Nella prima lettera però ha chiesto anche aiuto ad amici e parenti: “In questo periodo di lutto per mia moglie, l’ultima cosa che vorrei è che si preoccupasse del costo del mio funerale“. Il padre era infatti preoccupato per l’onere delle spese funerarie a carico della moglie dopo che lui aveva speso tutti i soldi combattendo contro la sua rara malattia.

Nella nota straziante, Mitchell aggiunge: “Vorrei chiedere alla comunità di riunirsi per una donazione per sostenere il costo del mio funerale”.

La moglie, dopo aver appreso la volontà del marito, ha aperto un sito di crowdfunding per ricevere le donazioni.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *