Menu Chiudi

Salvini: “se allungano lo stato di emergenza non li faremo uscire dall’aula fino al 31 ottobre”

salvini proroga stato di emergenza

Il Premier Giuseppe Conte fa trapelare la notizia della proroga dello stato di emergenza legato all’epidemia di coronavirus, almeno fino al 31 ottobre. La richiesta era già stata messa sul tavolo, salvo poi essere stata congelata viste le resistenze di parti della maggioranza.

Resta da capire adesso quale sarà lo strumento con cui dovranno essere prorogati i Dpcm emanati durante lo stato di emergenza attualmente in vigore fino al 31 luglio ed è probabile che, prima della delibera, il Presidente del Consiglio intenda fare un passaggio in Parlamento, come peraltro aveva anticipato lo scorso 10 luglio. Questo passaggio potrebbe avvenire già martedì 28 luglio, come si apprende da fonti della maggioranza.

Il leader della Lega Matteo Salvini in conferenza stampa alla Camera dei Deputati manifesta la sua indignazione verso l’intenzione del governo di prorogare lo stato di emergenza fino al 31 ottobre, considerando questa una strategia per mantenere il controllo sulla popolazione e per mantenere la poltrona:

Questi vogliono tenere sotto ricatto gli italiani fino al 31 ottobre. Non esiste! Non c’è nessuna emergenza sanitaria in corso, i numeri dicono il contrario. chiunque voglia prorogare lo stato di emergenza è un nemico dell’Italia e degli italiani perchè ammazza l’economia italiana“.
Continua poi:

Spalancare i porti ed essere sui telegiornali di tutto il mondo come il ‘campo profughi d’Europa’ è una roba criminale. Si spargono gli infetti e poi si verificano focolai. Me importi non lavoratori ma infetti… magari è una strategia per tenerci sotto lo stato di emergenza fino al 31 ottobre. Non esiste la proroga dello stato di emergenza, non li facciamo uscire dall’aula, stanno loro in aula fino al 31 ottobre. Gli Italiani meritano libertà, lavoro, respiro, serenità“.

di seguito l’estratto dell’intervento sopra citato del leader della lega Matteo Salvini in conferenza stampa alla Camera dei Deputati.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *