Menu Chiudi

Salvare la Grecia costerà 400€ a contribuente! Invece di salvare noi…Salviamo gli altri.

Grecia Come se già non bastasse la nostra penosa situazione…Adesso arrivano un’  altra batosta che scuote e certamente non agevola la ripresa! Ora invece di salvare noi Italiani dalla crisi economica…Salviamo gli altri! Ebbene si, la Grecia. E questa scelta obbligata costerà ai circa 40 milioni di contribuenti italiani la MODICA cifra di 385 euro a testa. [banner] Come è leggibile per intero all’interno dell’articolo giornalistico de “IL GIORNALE” : “I fondi saranno versati dal MES (meccanismo europeo di stabilità) meglio conosciuto come «Fondo salva Stati», a cui l’Italia partecipa, e quindi concorre a finanziare, per il 17,9%. A conti fatti quindi Roma dovrà nuovamente aprire il portafoglio e prestare ad Atene 15,4 miliardi di euro (pari a 385 euro per cittadino). Si tratta di una cifra consistente, a maggior raigone visto che Roma vanta già mastodontica esposizione verso Atene pari a 65 miliardi in tutto (o 1.625 euro per italiano), almeno secondo una recente ricostruzione di stampa che comprende i 10 miliardi di prestiti bilaterali, i 37,5 miliardi provenienti dai fondi salv stati (Efsf/Esm) e agli aiuti concessi attraverso la Bce. L’accordo raggiunto domenica notte è quindi un accordo salato anche per gli italiani e non solo per i greci che si troveranno a dover fare i conti con pesanti tagli, privatizzazioni e tasse in aumento.” Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

Qualche consolazione per gli italiani, se di consolazione si può parlare… dovrebbe arrivare dal raffreddamento dello spread. Intanto una cosa appare chiara a tutti: I danni fatti nel corso della storia, vengono sempre pagati da noi poveri cittadini. Per di più, costretti a pagare un debito che non ci appartiene perchè non nostro! Ma della Grecia… RIFERIMENTO: http://www.ilgiornale.it/news/politica/italiani-tassa-400-euro-1151444.html]]>

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *