Menu Chiudi

“Gli Usa non vogliono alleati ma vassalli,noi non lo saremo mai”.Vladimir Putin a “Linea Diretta”

Putin usa alleati vassalli

Risponde così Putin ad una delle milioni di domande a lui rivolte dai cittadini russi durante il programma “linea diretta”,riguardo un possibile accordo con gli Usa.”Gli Stati Uniti hanno bisogno di vassalli non di alleati“.

Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin, precisando che la Russia “non può far parte di questo sistema di relazioni“. Putin ha notato che rientrano in questo quadro “questi tentativi di porre delle sanzioni, ma non sono così efficaci”.Lo ha dichiarato durante il giro di domande nell’ambito del programma ‘Linea Diretta’, in cui il leader del Cremlino ha risposto alle domande dei cittadini. Secondo gli organizzatori ne sono arrivate tre milioni da tutte le regioni del paese.


Perchè non farlo in Italia un programma del genere?Chissà come se la caverebbe Renzi di fronte a 3 milioni di domande da parte dei cittadini italiani….Almeno con 2 milioni di :”Stai sereno”….
Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

Putin ha inoltre ancora una volta ricordato le speranze di collaborazione con gli Usa che erano sorte in Russia negli anni 90, ma secondo Putin sono presto tramontate “Non appena” Boris Eltsin “tentò di dire la sua sulla Jugoslavia: gli hanno scatenato tutti i cani contro”.

Sulla possibilità di tensioni tra Mosca e paesi occidentali, Putin ha sottolineato che la condizione obbligatoria deve essere il rispetto per la Russia e i suoi interessi. Allo stesso tempo, il presidente russo ha sottolineato che Mosca non considera “nessuno dei partecipanti sullo scacchiere internazionale” un nemico. “I nemici della Russia sono i terroristi internazionali e la criminalità organizzata”, ha sottolineato.

Noi non consideriamo nessuno il nostro nemico e noi non consigliamo a nessuno di considerarci il loro nemico. (…) Siamo un paese con un enorme potenziale di sviluppo, con vaste risorse naturali e, senza dubbio siamo una grande potenza nucleare”, ha dichiarato.

“La Russia non ha ambizioni imperiali, vuole solo vivere dignitosamente come l’America Latina”, ha detto il presidente russo.
“Noi stiamo cercando di far rivivere l’impero, non abbiamo questi obiettivi che costantemente cercando di attribuirci (…), non abbiamo ambizioni imperiali, inoltre in tutto il mondo si stanno producendo processi di integrazione naturali”, ha detto il presidente, che ha anche sottolineato le relazioni positive tra la Russia e i paesi dell’Unione economica eurasiatica.
In riferimento alla decisione di Mosca di dare seguito alla vendita all’Iran di cinque batterie dei sistemi anti-missile S-300, congelata nel 2010, in osservanza delle sanzioni Onu per il controverso programma nucleare di Teheran, Putin ha dichiarato che “Non c’è ragione per mantenere l’embargo. Oggi i partner iraniani mostrano un sacco di flessibilità e il desiderio di raggiungere un accordo. Tutti i partecipanti al processo negoziatore hanno annunciato che un accordo è stato raggiunto e che solo i dettagli tecnici saranno decisi a giugno “, ha detto il presidente russo.
“I sistemi S-300 sono apparecchi costosi. Il costo è di circa 900 milioni di dollari.  Perché dovremmo perdere questi soldi?”, ha ribattuto Putin.
Il presidente russo ha spiegato che la fornitura di sistemi di difesa aerea S-300 a Teheran non si traducono in una sospensione unilaterale delle sanzioni anti-iraniane da parte della Russia. “Questo tipo di arma non è inserita nella lista delle sanzioni ONU. Abbiamo sospeso unilateralmente il contratto, quindi possiamo riattivarlo unilateralmente. Per quanto riguarda la lista delle Nazioni Unite, la Russia le rispetterà alla lettera”, ha insistito Putin.
Sulle lamentele presentate dal primo ministro incaricato israeliano Netanyahu, Putin ha sottolineato che “Mosca agisce con molta cautela per quanto riguarda le forniture di armi a paesi del Medio Oriente, considerando la situazione nella regione. E i sistemi S-300 sono armi difensive che non minacciano in alcun modo Israele”
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *