Menu Chiudi

Questo ponte è pericolosissimo e molto trafficato, ma non ci sono i soldi.Scoppia il panico.Ecco dove

Questo ponte è pericolosissimo,ma è trafficato e non ci sono i soldi.Ecco dove

In provincia di Cosenza è esploso il terrore per il possibile crollo del Ponte di Celico (viadotto cannavino della SS107 Silana-Crotonese).L’anas non interviene,e la politica?

Il Ponte Cannavino viene attraversato ogni giorno da centinaia di veicoli tra cui automobili, pullman e camion di diverse tonnellate, trovandosi nel bel mezzo della Strada Statale 107 che unisce le città di Crotone e Cosenza.

[banner]Il viadotto cannavino è fortemente lacerato da spaccature evidenti che hanno causato per ora evidenti oscillazioni e un notevole abbassamento del manto stradale.

manto stradale ponte viadotto cannavino

viadotto cannavino ponte lacerato

L’Anas non interviene, la politica fa scarica barile sull’ Anas. Devono aspettare il crollo per muoversi? Tutto ciò è inaccettabile!

Come si legge dal quotidiano locale quicosenza.it :

<<il Presidente della Regione, Mario Oliverio, ha contattato personalmente il Capo Compartimento dell’Anas della Calabria, ing. Marzi, per investirlo direttamente di tale problematica. “Alla luce delle preoccupazioni evidenziate da più parti e soprattutto sui social network – ha detto Oliverio rivolgendosi al dirigente dell’Anas- ritengo necessario porre alla vostra attenzione dette preoccupazioni, affinché possiate assumere con urgenza tutti i provvedimenti necessari”. Certo è che Oliverio si ricorda dei reali problemi di questa regione solo quando si arriva al limite; un pò come il mare.>>

Intanto, aspettando e sperando che qualcosa si muove in questa italietta che a detta di Renzi fa le opere pubbliche, possiamo aiutare la gente di Cosenza con una petizione che è stata lanciata QUI. Diffondiamo questa petizione e sensibilizziamo tutti, la politica si deve muovere al più presto per evitare una vera tragedia.
Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *