Menu Chiudi

Il Ministro degli interni tedesco: "il passaporto siriano vicino all'attentatore di Parigi messo di proposito".Da chi?

passaporto intatto terrorista

Come fa un passaporto a rimanere intatto nelle tasche di un individuo che si è fatto saltare in aria riducendo il suo corpo in brandelli ed uccidendo tutti quelli intorno a lui nel raggio di 30 metri?

Ora è ufficiale,il ministro degli interni tedesco dichiara:”il passaporto siriano vicino all’attentatore di Parigi è stato messo di proposito”. Ma da chi? Ma soprattutto per quale scopo? Chi era così pronto a piantare il passaporto in loco in seguito all’attentato suicida?  E qual è la sua agenda? Perchè (come già visto nell’attentato a Charlie Hebdo) un terrorista che va a farsi esplodere dovrebbe sempre portare con se il passaporto? Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook
[banner]Stando al passaporto, si tratterebbe di Ahmad Al Mohammad, venticinquenne nato in Siria. Ma questo passaporto trovato vicino al suo corpo, a Parigi, potrebbe essere stato messo lì apposta. Chi lo dice? Niente di meno che  Il ministro degli Interni tedesco Thomas de Maiziere, il quale ha dichiarato che il “passaporto siriano trovato accanto a uno dei kamikaze negli attentati terroristici di Parigi potrebbe essere stato messo di proposito”, riporta Bloomberg. Inoltre le autorità francesi sostengono che le impronte digitali di questo terrorista, ricavate da un brandello, combacerebbero con quelle di un individuo registrato dalle autorità greche come un richiedente asilo a ottobre. Potrebbe essere quindi entrato dalla Grecia ad ottobre. Vogliono forse farci capire, terrorizzandoci e creando in noi una grande insicurezza, che i potenziali terroristi sono quelli che si spacciano come migranti e richiedenti asilo? Beh non serviva questo falso passaporto per capirlo, sappiamo (tranne la politica) che nel flusso migratorio che entra in europa l’Isis infiltra i suoi criminali.]]>

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *