Menu Chiudi

Otite e mal d'orecchio:niente farmaci grazie a questi potenti ed efficaci rimedi naturali

otite mal d'orecchio   (Foto : www.paneecirco.com)

L’otite è un’infiammazione dell’orecchio estremamente dolorosa che si manifesta soprattutto nei bambini.Ecco come curarla in modo naturale senza antibiotici.

L’otite è un’infiammazione dell’orecchio né pericolosa né contagiosa, ma estremamente dolorosa. Si manifesta principalmente nei bambini sotto i 3 anni.L’età di picco si registra a 7-8 mesi, un momento in cui è molto difficile per un genitore capire perché il suo bambino piange e non riesce a dormire. Per molti genitori, soprattutto per le coppie alle prime armi, è molto frustrante. In genere i medici prescrivono una terapia antibiotica ma, vista l’età precoce, potrebbe essere troppo aggressiva. Per questo molti genitori preferiscono ricorrere a rimedi casalinghi,come infusi di cipolla, latte materno, acqua calda sull’orecchio che sono utilissimi a lenire il dolore, ma non a risolvere la causa. La chiropratica è risultata essere una tecnica naturale estremamente efficace per cura dell’otite dei bambini. Ci sono diversi modi casalinghi per curare l’otite che si tramandano da generazione a generazione. Possono essere estremamente utili per alleviare il dolore, ma non sono in grado di arrivare al nocciolo del problema. Le tecniche maggiormente utilizzate sono:
  • due o tre gocce di succo di cipolla calda in ciascun orecchio;
  • due o tre gocce di olio di oliva caldo sempre in ciascun orecchio;
  • una tazza di sale o di riso avvolta in un calzetto o una pezza, riscaldata al microonde e posta nella parte esterna dell’orecchio del bambino per almeno 10 minuti;
  • una bottiglia d’acqua tiepida messa per 10 minuti a contatto dell’orecchio infiammato;
  • far bere dell’acqua a piccoli sorsi al fine di aiutare la tuba di Eustachio ad aprirsi;
  • mettere alcune gocce di latte materno nell’orecchio infiammato, almeno ogni 4 ore.

Naturalmente ci sono diverse misure preventive che aiutano a ridurre l’incidenza di infezioni dell’orecchio come:

  • l’allattamento al seno che permette il trasferimento delle immunità della madre;
  • smettere di fumare (il fumo di sigaretta contiene sostanze inquinanti che colpiscono i bambini che sono più inclini alle infezioni dell’orecchio);
  • non tenere il bambino per lungo tempo fuori, in luoghi affollati (la malattia colpisce i bambini con la difese immunitarie più basse).

La chiropratica

Oltre gli antibiotici e rimedi casalinghi dagli effetti a breve termine, esiste un trattamento per l’infezione all’orecchio del tutto naturale, in grado non solo di alleviare di dolore, ma anche di ridurre la frequenza e la durata delle otiti dei bambini: la chiropratica. La chiropratica (dal greco cheir, mano e praxis, azione) è una pratica che dichiara come obiettivo il mantenimento e il ristabilimento della salute dell’uomo, passando dalla diagnosi, il trattamento e la prevenzione delle sue deficienze funzionali concentrando la sua azione sull’integrità del sistema nervoso, assumendo che esso controlli tutti gli altri sistemi del corpo umano e prestando particolare attenzione alla colonna vertebrale che lo contiene, nel presupposto, in particolare, che le disfunzioni del midollo spinale possano interferire con quella che i chiropratici definiscono l’innata capacità del corpo di guarire da sé (“intelligenza innata”). La chiropratica è considerata nella maggioranza dei Paesi una medicina alternativa, benché tale definizione venga contestata da molti chiropratici. La chiropratica enfatizza la manipolazione (inclusa la manipolazione spinale) e include un’opera di consulenza sugli “stili di vita”. Il chiropratico individua i disallineamenti vertebrali e riequilibra la colonna vertebrale per alleviare i disturbi nervosi e, pertanto, ripristinare una corretta comunicazione tra il cervello e corpo attraverso il sistema nervoso. I dati testimoniano che questa tecnica ha sortito effetti positivi su numerosissimo bambini. Fonti: http://www.inerboristeria.com https://it.wikipedia.org/wiki/Chiropratica]]>

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *