Menu Chiudi

Monti: “il MES è stato preparato dal governo Berlusconi – Lega”

mario monti mes

In Italia è iniziata la caccia la responsabile del Mes, ossia del governo che ha avallato lo strumento europeo che oggi, nel nostro paese, nessuno vuole. Chiamato in causa, ha voluto dire la sua anche l’ex premier Monti.
Con un lunga lettera al Corriere della Sera, Monti ha provato a ricostruire le tappe politiche che hanno portato all’approvazione del Mes. Riportiamo di seguito l’estratto più significativo.

Il richiamo ai fatti dovrebbe indurre a maggiore lucidità. Il Mes rappresenta l’evoluzione del Fondo europeo per la stabilità finanziaria (Fesf). Il Fesf prima e il Mes poi sono stati preparati e decisi a livello europeo nel 2010-2011 con l’Italia rappresentata da Silvio Berlusconi nel Consiglio europeo e da Giulio Tremonti nell’Ecofin ed Eurogruppo. Quel governo si reggeva sull’alleanza Pdl-Lega.

Giorgia Meloni ne faceva parte come ministro per il Pdl, Matteo Salvini era europarlamentare della Lega”. “La decisione di istituire il Mes fu presa a livello Ecofin il 9-10 maggio 2010, con la precisazione che ‘la sua attivazione sarà soggetta a forte condizionalità, nel contesto di un sostegno congiunto Ue/Fmi, e avrà termini e condizioni simili a quelli del Fmi’. A livello di Consiglio europeo il 25 marzo 2011 i capi di governo ribadirono che ‘la concessione di qualsiasi assistenza finanziaria necessaria nell’ambito del meccanismo sarà soggetta a una rigorosa condizionalità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *