Menu Chiudi

Lockdown in tutta Europa: il piano dell’ Unione Europea

Il coronavirus sta dilagando in tutta Europa tanto da spingere i leader dei vari paesi dell’ unione a varare restrizioni gradualmente sempre più stringenti. Attualmente la misura più “severa” è stata adottata dalla Francia di Macron, che ha annunciato un lockdown quasi totale: resteranno aperte scuole fabbriche e uffici pubblici.

Anche in Germania, una delle nazioni europee meno colpite dalla scorsa ondata, è atteso un annuncio di Angela Merkel per un lockdown light.
A Bruxelles è circolata una ipotesi nelle scorse ore abbastanza clamorosa, che se fosse messa in atto passerebbe alla storia.
L’intenzione sarebbe quella di adottare un provvedimento unico in tutta Europa, un lockdown europeo per contenere la diffusione del coronavirus, ma con la possibilità di prendere misure variabili in base ai contagi di ogni singolo Paese.

Ursula Von Der Leyen lockdown europeo

Inoltre verrebbero lasciati i Paesi liberi di aderire o meno alla proposta, senza necessariamente ricorrere al voto. A spingere questa ipotesi sono in particolare  il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli e la presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen.
Come riportato da La stampa, a breve potrebbe partire il giro di consultazioni con i Paesi-guida dell’Unione.

Von der Leyen vuole prima parlarne con i Paesi-guida dell’Unione e chiederà cosa ne pensino la Cancelliera Angela Merkel, il presidente francese Emmanuel Macron e naturalmente anche i leader dei Paesi che finora hanno maggiormente resistito ad ogni restrizione delle libertà personali.

Se la proposta dovesse arrivare al tavolo dei 27 Paesi dell’ Unione e venisse accettata, già si potrebbe immaginare un lockdown soft, dove  si vocifera la possibilità, comunque per un limitato periodo di tempo, di lasciare soltanto agli studenti la libertà di circolazione in buona parte dei Paesi dell’Ue, che lontani da qualsiasi assembramento, vedrebbero diminuire le possibilità di essere contagiosi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *