Menu Chiudi

La nostra tavola sarà presto invasa da veleni americani.Ecco perchè.IL VIDEO

tavola invasa da veleni americani

Già ci sono molti cibi dannosi ogni giorno sulla nostra tavola,figuriamoci quando apriranno le porte dell’ europa ai cibi americani con il TTIP.

Le nostre tavole sono già imbandite di prodotti dannosi per la salute a base di olio di palma, carni lavorate ecc, i quali sono oggetto di molte discussioni.
Ma mentre discutiamo su cosa mangiare e non, i grandi poteri sono al lavoro per far approvare il TTIP, il trattato transatlantico sul commercio.
Questo trattato nasce dall’idea di una lobby americana, e prevede l’abolizione dei dazi doganali in teoria per facilitare il commercio, in pratica però, esso serve a eliminare i controlli di qualità europei (che sono molto più ferrei rispetto a quelli americani) in modo da far entrare una marea di prodotti americani senza controllo, che non rispettano i nostri standard di qualità e di sicurezza.

[banner]Grazie al TTIP può arrivare sulla nostra tavola carne americana piena di anabolizzanti ed altri farmaci che in europa sono proibiti, può arrivare il pollo imbottito di cloro (un altro trattamento utilizzato negli USA e proibito nell UE).

Il bello è che una volta approvato il TTIP, se ad esempio il nostro paese provasse a bloccare l’arrivo di questi prodotti dannosi, le aziende americane potrebbero farci causa, e molto probabilmente passerebbero addirittura dalla parte della ragione…

Questo trattato è una via senza uscita, una strada senza ritorno che l’UE sembra disposta ad accettare, nonostante i popoli europei (tranne quello italiano che sembra non essere interessato) stanno scendendo in piazza contro il TTIP.
Il commissario europeo Cecilia Mallstrom ha dichiarato: “L’ UE non deve rispondere ai cittadini”.
Ma su questo le organizzazioni internazionali, così come il nostro ‪‎Ministero‬ della ‪Salute‬, tacciono. Siamo nel mezzo di un cortocircuito del sistema capitalistico: una sovrastruttura che impone una vita sana a tutti i costi, e dei modi di produzione che generano il contrario.
Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *