Menu Chiudi

La Germania si ribella, una marea umana contro le misure anti-covid

Orde di tedeschi sono scese per le strade di Berlino sabato per protestare contro le misure contro il coronavirus intraprese dal Paese.
Le restrizioni in Germania includono l’uso di rivestimenti per il viso nei negozi e sui trasporti pubblici, le regole di distanza sociale e i requisiti di igiene da applicare in tutto il paese. Sono stati introdotti test obbligatori per i vacanzieri che rientrano da aree ad alto rischio.

Il balletto delle cifre è più indegno che mai: gli organizzatori parlano di un milione, i giornali – compresi quelli italiani – di 15.000.
Le foto dall’alta parlano chiaro: una massa infinita di persone, tanto che c’è chi ha pensato si trattasse di un fake, cioè di vecchie foto della Love Parade – potente sfilata di musica techno in auge negli anni Novanta e nei primi 2000 – dove i partecipanti raggiungevano, appunto, il milione di persone e oltre.

Ma la foto è reale e a riportarla è repubblica.it:

Germania protesta misure anti-covid
Foto: repubblica.it

«Siamo il popolo. Siamo stufi. Basta con le bugie. Questo giorno segna la fine della pandemia».
Visibilmente, la protesta è contro le maschere facciali che quasi nessuno indossava, e che tutti oramai chiamano «museruola».
I manifestanti cantavano «Siamo il popolo. Siamo stufi. Basta con le bugie. Questo giorno segna la fine della pandemia».

Ogni tanto dagli altoparlanti arriva il richiamo al distanziamento imposto dalla legge, con toni poco entusiasti e scarsa adesione. Poi si diffondono slogan, richiami al tifo quasi calcistico, ma anche dichiarazioni politiche senza tema di esagerazione.
«La nostra richiesta è di tornare alla democrazia. Via con queste leggi che ci sono state imposte, via con le maschere che ci rendono schiavi», ha detto una donna, secondo la BBC.

La quale BBC non si risparmia di diffondere complottismo politico: i manifestanti sarebbero una miscela di «estrema destra» e «gente comune che si oppone semplicemente all’approccio del governo alla pandemia». L’inviato del servizio pubblico britannico Damian McGuinness BBC ha aggiunto che durante la manifestazione quasi nessuno indossava la mascherina o praticava una distanza sociale.

La Germania ha avuto oltre 210.000 casi di COVID-19 e oltre 9.000 morti legate alla malattia dall’inizio della pandemia.
Il totalitarismo sanitario avanza in tutto il mondo. La Germania, o almeno una grossa fetta della sua popolazione, pare essersi ribellata: mai più schiavi della dittatura, che oggi si presenta nella sua forma di tecnocrazia biologica, iatrocrazia – governo assoluto di scienziati e medici.

Nonostante abbia registrato 900 nuovi casi venerdì, la Germania rimane uno dei paesi europei meno colpiti, forse anche per la non estrema sincerità nel fornire i dati. Tuttavia, le misure di sicurezza con evidenza non possono essere digerite facilmente da un popolo che ha subito non uno, ma ben due totalitarismi sanguinari durante il Novecento, e che probabilmente ne sa riconoscere i segni.

Di seguito il video della protesta pubblicato da Repubblica sul proprio canale YouTube.

Tratto da: Renovatio21

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *