Menu Chiudi

Il governo cinese utilizza il coronavirus per epurare gli oppositori politici? Il caso del giornalista Fang Bin


Fang Bin coronavirus

La Cina sta usando la situazione del Coronavirus per reprimere senza pietà una rivoluzione nazionale? E’ solo una coincidenza che le strade di Hong Kong ora siano ormai vuote mentre qualche mese fa imperversavano le proteste?

Nessuno al di fuori della Cina conosce la verità su ciò che sta accadendo in questo momento all’interno della più grande nazione comunista del mondo, ma i video e i reportage dei cittadini giornalisti che sono andati oltre mostrano, se non altro, come un regime totalitario e autoritario mantenga un controllo brutale terrorizzando il proprio popolo.

I video che mostrano persone trascinate fuori dalla loro casa e costrette a salire su furgoni e trascinate via perché presumibilmente infettate dal coronavirus raccontano solo una parte della storia. Altri rapporti indicano che è in corso una massiccia campagna di repressione dell’informazione, dei social media e della censura. Il Partito comunista cinese (PCC) è impegnato in una campagna nazionale di terrore e censura. Ma perché?

Tra i tanti cittadini giornalisti che forniscono servizi al mondo, Fang Bin ha fatto notizia a livello internazionale quando ha reso pubblico uno dei primi video all’interno di un ospedale di Wuhan che mostrava un gran numero di sacchi per cadaveri e di morti, sfidando così la propaganda del partito comunista ufficiale che la situazione non è così grave e che tutto è sotto controllo.

La storia ha dimostrato ancora una volta come i regimi totalitari schiaccino crudelmente il dissenso. Chiudono le città sotto la minaccia di violenze ufficiali o di arresti, e poi vanno porta a porta trascinando i dissidenti dalle loro case e internandoli in campi di sterminio.

Se il popolo cinese fosse incoraggiato ad opporsi a tale repressione generazionale, il PCC si troverebbe ad affrontare una grave crisi di controllo, che avrebbe potuto diffondersi in tutto il paese. L’epidemia di coronavirus sembra offrire la copertura perfetta per l’epurazione dei dissidenti e di coloro che oserebbero dare voce a informazioni e opinioni contrarie alla propaganda ufficiale del partito.

Noi fuori dalla Cina non sapremo la verità per un po’ di tempo, ma se prestiamo attenzione a uno degli ultimi video autoprodotti di Fang Bin, questo sembrerebbe essere il caso. In esso egli chiede che il popolo cinese si sollevi contro il governo comunista/marxista, che fa sì che tutti i cinesi vivano perennemente nella paura e nell’insicurezza.

Mostriamo di seguito il video in un tweet.

 


Fang Bin è scomparso di recente, a quanto si dice, arrestato dal PCC, mentre  altri giornalisti che dicono la verità hanno recentemente visto la stessa sorte. Il popolo cinese merita di continuare a vivere sotto il totalitarismo medievale del comunismo?

Tratto da: Waking Times

Jedanews.com è anche presente su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI'→

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Jedanews.com è anche presente su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI'→

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *